Amarezza biancazzurra, non basta una grande prestazione

Italia-Iran-0079.jpg

Al Prato non è sufficiente un grande secondo tempo: all’Estraforum vince la Came Dosson per 2-1 con gol decisivo di Palomeque a 31 secondi dal termine. Pali, traverse, emozioni a non finire nella ripresa. Proteste laniere nel finale.

PRATO-CAME DOSSON 1-2
PRATO: Perez, Benlamrabet, Segovia, Pagnussatt, Bertoldi, Poggini, Schacker, Daga, Dall’Onder, Balestri, Arteiro, Campagna. All. Di Giosio.
CAME DOSSON: Bonora, Belsito, Bordignon, Genovese, Quinellato, Palomeque, Bellomo, Crescenzo, Sviercoski, El Hamoudi, Rosso, Vascello. All. Rocha.
ARBITRI: Colombi di Tivoli e Pagliarulo di Napoli; cronometrista Giannini di Pisa.
RETI: pt 16’08” Sviercoski; st 5’04” Dall’Onder, 19’29” Palomeque.
NOTE: ammoniti Dall’Onder, Bertoldi, Bordignon e Bellomo; nessun tiro libero; spettatori 250 circa.
PRATO. Non basta al Prato una grande prestazione per fare punti contro la capolista Came Dosson, che vince con un gol nei secondi finali. Troppo timido nel primo tempo, il Prato ha giocato una ripresa coraggiosa sfiorando anche il colpaccio, ma venendo beffato nel finale.
Le assenze di Daga, Calamai e Marku convincono i lanieri ad un atteggiamento più accorto del solito. Palomeque impegna subito Perez, poi Dall’Onder da fuori costringe Bonora in angolo. Bella all’8’ una percussione di Schacker su palla rubata, mentre al 14’ Pagnussatt salva su Quinellato.
Il Prato al 16’ chiama time-out ma torna in campo freddo e su rimessa laterale regala subito il più facile dei gol a Sviercoski. Una mazzata, anche se il Prato reagisce con un contropiede di Segovia che innesca Schacker.
Nella ripresa i biancazzurri rientrano più determinati. Meritato il pareggio di Dall’Onder, che trasforma in rete una punizione che lui stesso si era procurato.
Da qui in poi partita tiratissima dove entrambe potrebbero vincere. All’8’ Bonora salva in uscita su Segovia solo, sulla respinta il tiro di Schacker viene fermato da un difensore. Al 9’10” una discesa di Bertoldi fa rischiare l’autogol a Bellomo.
Il cronometro dice 11’13” quando Arteiro centra il palo su azione di rimessa di Dall’Onder, dall’altra parte palo di Palomeque con Perez che rischia anche una sfortunata autorete ma si salva.
Al 14’30” la Came potrebbe passare: il contropiede con tocco sotto di Sviercoski si conclude sulla traversa. Il Prato spende il quinto fallo ma sfiora la rete con Balestri, fermato dall’uscita di Bonora.
Quinto fallo anche per la Came che vuol vincere e al 18’42” inserisce Sviercoski portiere. La mossa paga, complice una rimessa laterale invertita dagli arbitri: grande comunque il gol al volo di Palomeque a 31 secondi dalla fine.
Entra subito Arteiro portiere di movimento, il Prato protesta per un possibile libero su Schacker che poi sulla sirena fa rischiare l’autorete alla retroguardia veneta. Finisce col Prato a testa bassa: grande prestazione biancazzurra, ma nessun punto guadagnato.

Quarta giornata: Aosta-PesaroFano 1-1; Cagliari-Carmagnola 3-3; Imola-Menegatti Metalli 4-3; Chiuppano-Nursia 2-2; Prato-Came Dosson 1-2; Arzignano-Milano 4-5.

Classifica: Came Dosson 12; Milano e Imola 9; PesaroFano 8; Cagliari 5; Prato, Aosta, Carmagnola e Menegatti Metalli 4; Arzignano 3; Nursia e Chiuppano 2.