Balestri: “Il mio primo gol in A2? Ho tirato d’istinto”

Prato-Imola-1-5-0073.jpg

Il “metronomo” Stefano Balestri timbra subito il cartellino anche in serie A2: sua, complice la deviazione di Salamone, la fondamentale rete del temporaneo 3-3 ad Arzignano. L’intervista a Balegol, l’uomo che segna in qualsiasi categoria.

Balestri, avevi detto alla vigilia che Arzignano era una prova con voi stessi. Al di là della vittoria, com’è andata?
“Decisamente meglio della prima. Ci siamo guardati in faccia un po’ tutti. Abbiamo cercato di trovare tutti insieme la prestazione che ci avevano chiesto il mister, la società ed anche i tifosi nel dopo-Imola. Abbiamo svolto un’ottima settimana di allenamenti ed il risultato in campo si è visto”.

Stefano Balestri non smentisce la sua fama di "metronomo": i suoi gol arrivano regolarmente in qualsiasi categoria (foto Bilenchi)

Stefano Balestri non smentisce la sua fama di “metronomo”: i suoi gol arrivano regolarmente in qualsiasi categoria (foto Bilenchi)

Avete reagito di squadra.
“Sì, c’è stata una grande reazione di squadra. Anche se magari sotto il punto di vista del gioco non siamo stati brillantissimi neanche ad Arzignano, però si vedeva la nostra voglia di lottare su ogni pallone. Non arrivavamo mai secondi sulla palla come ci era successo contro l’Imola, e questo in questa categoria può fare la differenza. Abbiamo tenuto la partita sempre in bilico, siamo stati a lungo sotto ma siamo riusciti a pareggiarla e poi è arrivata la gioia di quel gol finale a 5 secondi dalla sirena che è stata bellissima”.

Il tuo primo gol in serie A2, quello del 3-3, è di quelli pesanti.
“Mi sono visto questa ribattuta venirmi addosso, ho provato a tirare senza pensarci un attimo ed è andata bene. Non so se sarebbe andata dentro lo stesso, comunque con la deviazione che ho trovato sono riuscito a dare il pareggio alla squadra ed è questo ciò che conta”.

Col Cagliari, che difende bene ed è sempre molto presente in campo, sarà durissima.
“Sicuramente sì. Sarà una partita come quella del PalaTezze perché il Cagliari ha tanti giocatori esperti che conoscono già la categoria. Noi adesso però ci siamo fatti un esamino di coscienza e stiamo iniziando a conoscere i nostri mezzi. Piano piano cercheremo di iniziare a trovare quel ritmo che ci potrà far fare la differenza anche contro altre squadre”.

Stefano Balestri (foto Bilenchi)

Stefano Balestri (foto Bilenchi)