Buon pari per il Nuova Comauto, lo firma Benlamrabet

Prato-Sestu-0082.jpgIl Prato C/5 blocca sul pareggio l’ex capolista Città di Sestu. Il commento del tifoso Tommaso Zinna, le foto di Marco Bilenchi. Video degli highlights a cura di Galilej Gjini. Sabato alle ore 16 Chiuppano-Prato, squalificati Juanillo e Wallace.

NUOVA COMAUTO PRATO-CITTA’ DI SESTU 1-1
NUOVA COMAUTO PRATO: Gelli, Wallace, Veneruso, Birghillotti, Cerciello, Benlamrabet, Dopico, Petri, Vinicinho, Solazzo, Juanillo, Laino. All. Suso.
CITTA’ DI SESTU: Erbì, Asquer, Casu, Mura, Escobar, Bonfin, Cau, Rufine, Gonzalez, Fois, Ruggiu, Zanatta. All. Mura.
ARBITRI: Ronca di Rovigo e De Matteis di Mestre; cronometrista Vannucchi di Prato.
RETI: pt 11’11” Bonfin, 18’27” Benlamrabet.
NOTE: espulso Bonfin per proteste al 16’ pt; ammoniti Wallace, Birghillotti, Dopico, Juanillo, Mura, Escobar, Rufine; tiri liberi Prato 0/1 (Juanillo 0/1), Sestu 0/0; spettatori 150 circa.
PRATO. Grinta, cuore e organizzazione di gioco: il Nuova Comauto Prato torna a far punti fermando sul pareggio l’ex prima della classe. Gol biancazzurro di Benlamrabet, tiro libero fallito nel primo tempo da Juanillo. Arbitraggio incerto, un espulso e sette ammoniti.

Seconda di ritorno (sabato 20 gennaio 2018)
B&A Sport Orte-Atlante Grosseto 5-4
Leonardo-Bubi Merano 4-5
Civitella-Carrè Chiuppano 4-3
Nuova Comauto Prato-Città di Sestu 1-1
Olimpus Roma-Ossi San Bartolomeo 5-4
Riposa: Arzignano

Classifica: Civitella 25; B&A Sport Orte 24; Città di Sestu 23; Carrè Chiuppano 19; Arzignano 18; Olimpus Roma 17; Bubi Merano e Atlante Grosseto 15; Ossi San Bartolomeo 11; Nuova Comauto Prato 9; Leonardo 4.

Terza di ritorno (sabato 27 gennaio 2018)
Bubi Merano-B&A Sport Orte (16)
Real Arzignano-Civitella (16)
Città di Sestu-Leonardo (16)
Atlante Grosseto-Olimpus Roma (15)
Carrè Chiuppano-Nuova Comauto Prato (ore 16; arbitri Raffaelli di Treviso e Volpato di Castelfranco Veneto; cronometrista Mezzarobba di Conegliano)
Riposa: Ossi San Bartolomeo

Nuova Comauto Prato-Città di Sestu 1-1, 20.1.2018, parte 1

FOTOGALLERY. Nuova Comauto Prato-Città di Sestu 1-1, 20.1.2018, parte 1 (foto Bilenchi)

Nuova Comauto Prato-Città di Sestu 1-1, 20.1.2018, parte 2

FOTOGALLERY. Nuova Comauto Prato-Città di Sestu 1-1, 20.1.2018, parte 2 (foto Bilenchi)

Nuova Comauto Prato-Città di Sestu 1-1, 20.1.2018, parte 1

FOTOGALLERY. Nuova Comauto Prato-Città di Sestu 1-1, 20.1.2018, parte 3 (foto Bilenchi)

Vista dai tifosi: il commento di Tommaso Zinna
Nuova Comauto Prato-Città di Sestu finisce in parità con ben sette ammoniti ed un espulso, ma i bianco blu possono ritenersi soddisfatti del punto raccolto contro la capolista, che prima di questa partita condivideva il primato nel girone insieme al Civitella Sicurezza Pro – anche in virtù dei 2 punti di penalità ai quali sono condannati i pescaresi-.
Prato si presenza al completo, tranne ormai per l’assenza di lungo corso di Thiago Perez costretto ai box fino al termine di stagione.
Wallace passa la fascia di capitano a Birghillotti che ritorna alla sua ‘prima’ di campionato e da leader.
Città di Sestu per conto suo sbarca in Toscana con l’assenza pesante di Wilson (secondo miglior realizzatore dei sardi dopo Vanderlei Bonfin) e Vaccargiu. Ormai invece entrato alla perfezione nei meccanismi dei rosso blu l’ultimo arrivato di dicembre: il talentuoso laterale catalano Alejandro Escobar ex Imola ed ex Salinis, proveniente dalle giovanili del Barcellona.
Facendo una previsione, potremmo dire che assisteremo ad un match con poche reti: Prato secondo peggior attacco del girone, Città di Sestu non certo una ‘macchina da goal’, in più proprio i sardi vantano la miglior difesa del campionato, a differenza di quella dei lanieri che è la terza più battuta.
Come da copione la partita finirà con poche reti…1-1, ma questo non vuol dire che siano mancate le emozioni.
Nei primi minuti i rosso blu partono forte ed il Prato subisce l’arrembaggio e la velocità degli isolani.
Sestu ha una squadra compatta, con le idee chiare e che sviluppa un gioco rapido e molto ordinato.
Il capitano Rufine detta i tempi dalla difesa, mentre Escobar e M. Mura agiscono alle spalle del pivot ex Cagliari Vanderlei Bonfin, la cui fisicità impensierisce non poco la retroguardia bianco blu.
Il gioco dei sardi, come detto, punta molto sulla velocità di circolazione della palla e sui rapidi inserimenti da dietro dei laterali.
Prato affida il potenziale offensivo alla coppia Juanillo-Benlamrabet, mentre a Wallace-Vinicinho il compito di proteggere la porta di Gelli.
All’8′ di gioco, Sestu passa: azione convulsa ed un batti e ribatti nell’area di rigore laniera premia la zampata vincente del pivot Bonfin. Nono centro per l’italo-brasiliano che vanta nei suoi trascorsi anche due presenze con la maglia azzurra.
Sestu attenta in difesa e sempre ordinata nel chiudere gli spazi; Prato invece che cerca di scardinare la difesa sarda con la prestanza del pivot Juanillo e con la velocità di Benlamrabet, ma l’ottimo portiere ospite Erbì fa buona guardia.
Episodio chiave al 16′: contropiede Prato, steso Wallace a centrocampo, l’azione prosegue per la regola del vantaggio e successivamente altro fallo dei rosso blu.
Gli arbitri si consultano: doppio fallo fischiato ai sardi, che da quattro falli passano in un attimo a sei falli.
Proteste veementi da parte dei cagliaritani, quando improvvisamente uno dei due arbitri raggiunge la panchina degli ospiti invitando il numero 8 rosso blu Bonfin ad alzarsi ed in un secondo estrae il rosso!
Sestu senza Wilson e Bonfin.
[*NOTA: una celebre pagina sportiva ha erroneamente riportato l’inferiorità numerica patita in campo dalla squadra di mister G. Mura in seguito all’espulsione di Bonfin, ma quest’ultimo invece al momento dell’espulsione era seduto in panchina e non si trovava in campo! Sestu quindi non ha mai giocato in quattro in nessun frangente della partita*]
Tornando al match: tiro libero per il Prato, rincorsa di Juanillo ed Erbì neutralizza! Il punteggio resta sull’1-0 e Prato che sciupa un’occasione ghiottissima per acciuffare il pari.
Trascorre comunque poco tempo prima del pareggio… Siamo al 18′, Juanillo per Benlamrabet ed il giovane numero 6 bianco blu trafigge Erbì con un rasoterra da distanza ravvicinata.
Goal numero ’11’ per ‘Dinho’ che si porta a -5 dal capocannoniere Pedrinho.
Ristabilita la parità: 1-1 e così termina la prima frazione di gioco.
Nel secondo tempo la partita offre poche, ma importanti occasioni ambo i lati, con pali ed anche salvataggi decisivi compiuti dalle attente difese, ma il tutto con un ritmo leggermente inferiore rispetto al primo tempo.
Vinicinho opera una buonissima partita ed attraversa un periodo di grande forma, specialmente in fase di copertura il numero 11 bianco blu è diventato indispensabile, come del resto Rufine per i sardi, davvero positiva la sua prova.
Wallace offre tanta sostanza -come al solito-, mentre Petri e Dopico colpiscono due pali clamorosi.
Escobar si dimostra di categoria superiore sia per la sua facilità di penetrazione che di smarcamento, mentre M. Mura offre elevata intensità per tutta la partita sfiorando il goal.
Buona anche la partita dei due portieri.
In conclusione, un Prato che esce da questa partita con una buona prestazione difensiva ed un un punto che giova alla classifica ed anche al morale.
Il turno di Coppa Italia che l’ha visto contrapporsi al Kaos Reggio Emilia ha sicuramente ‘rodato’ i toscani in vista di questo importante scontro.
Juanillo e Benlamrabet sono imprescindibili per lo sviluppo della trama offensiva, ma anche gli inserimenti di Vinicinho hanno creato qualche grattacapo alla retroguardia dei sardi.
Città di Sestu invece perde la vetta e scivola al terzo posto, ma conquista il quinto risultato utile consecutivo a dimostrazione del periodo di grande crescita che sta vivendo la squadra cagliaritana.
L’obiettivo salvezza dichiarato ad inizio stagione sembra essere un ricordo lontano per i sardi…
Il cammino è ancora lungo, ma la salvezza non appare impossibile se Prato gioca con intensità ed ordine come dimostrato oggi.
Prossima battaglia a Carrè contro il Carrè Chiuppano, che insacca goal nelle reti avversarie con una certa disinvoltura ed occupa la quarta piazza del girone…
Forza Prato C5 tutto è possibile!