La preghiera del Prato alle autorità: “Aiutateci!”

01

La società ha scritto una lettera aperta agli appassionati ed alle autorità cittadine, lanciando un grido di dolore in relazione alla situazione del palazzetto: sabato c’è la semifinale, se non ci sarà una deroga potranno entrare solo in cento.

Lettera aperta agli appassionati ed alle autorità cittadine

Cari amici che come noi amate il calcio a 5, pare proprio che su tutti noi sia prossima ad abbattersi una beffa atroce. Sabato ospitiamo all’Estraforum (ore 16) il Real Cornaredo per la prima partita del triangolare di semifinale. Probabilmente senza pubblico o quasi: salvo miracoli dell’ultimo minuto, anche sabato potranno entrare solo cento persone per la vicenda ormai nota della burocratica revoca della piena agibilità all’impianto.
Non ci sono parole per descrivere il nostro dispiacere se questa autentica festa dello sport venisse deturpata. Vi terremo aggiornati ma vi invitiamo a non farvi troppe illusioni. Certo che dopo tanto lavoro, dover giocare nel deserto una partita decisiva nella corsa verso la serie A2 è una botta in testa che fa un male tremendo. Per di più riguardo all’Estraforum, da tutti riconosciuto come uno dei “templi” del calcio a 5 italiano ed europeo, un impianto che ha conosciuto in passato svariati “tutto esaurito” senza mai evidenziare problemi di sicurezza.
E adesso, all’improvviso, per dei cavilli burocratici e – consentitecelo – anche per mancanza di buon senso, il nostro impianto, la nostra casa, ci vengono chiusi sotto il naso nel momento più importante e sportivamente più bello.
Abbiamo tutti una certa età ormai ma credeteci, a pensarci ci viene da piangere.
Soprattutto per i nostri ragazzi, questa squadra che da un anno intero lavora, soffre e – se Dio vuole – vince. Sono proprio i nostri ragazzi che meriterebbero di poter ricevere il sostegno degli appassionati e della nostra città, quella città che da sempre portiamo nel cuore e sulle maglie, quella città che negli anni ci è stata vicina e che abbiamo onorato con la partecipazione a due semifinali di Coppa Campioni UEFA e con la vittoria di due scudetti, due coppe italia, due supercoppe, due coppe toscana, una supercoppa regionale.
E’ alle autorità che ci appelliamo: se qualcosa può essere fatto, che si faccia. Per favore.
Per voi può essere poco, per noi può essere la vita. Non capita tutti i giorni di tornare a giocarsi una semifinale play-off, abbiamo bisogno del sostegno di tutti.
Vada come vada, è ovvio che rispetteremo le regole. Come sempre. Se impianto semi-chiuso dovrà essere, impianto semi-chiuso sarà. Ci mancherebbe altro. Non ci saranno iniziative eclatanti. Niente di niente. Non sono nel nostro stile.
Prendete anzi queste righe per quello che sono. Un qualcosa a metà tra uno sfogo scritto di getto ed una preghiera.
Tutto qua.
Anzi no, non è tutto qua. Una cosa da aggiungere rimane: sempre forza Prato! Dal cuore.

La società Prato Calcio a 5