Castellamonte-Prato 6-6: ultima giornata da libro cuore

Festa-Estra-0274.jpgAlessandro Calamai torna in campo dopo 10 mesi e va subito in gol. A segno anche i giovani Brondi e Poggini, doppietta per lui. Due gol di Balestri che arriva a quota 20. Cinquina di Granata e piemontesi ai play off.

CASTELLAMONTE-PRATO 6-6
CASTELLAMONTE: Giachetto, Bario, Scaraffia, Pisano, Cardamone, Karouani, Orofino, Romeo, Rissi, Granata, Petri. All. Montesano.
PRATO: Laino, Sarti, Pelagatti, Brondi, Calamai, Bertoldi, Poggini, Daga, Apruzzese, Balestri, Santi. All. Coccia.
ARBITRI: Salvatore di Gallarate e Biondo di Sesto San Giovanni; cronometrista Siviero di Collegno.
RETI: pt 7’50” Balestri, 18’49” Poggini; st 1’03” Brondi, 1’31” Granata, 2’05” Rissi, 8’18” Calamai, 9’53” e 10’20” Granata, 11’35” Balestri, 12’19” e 16’30” Granata, 14’15” Poggini.
NOTE: ammonito Granata; nessun tiro libero; spettatori 150 circa.

Ultima giornata di campionato per il Prato C5 già promosso in A2, che affronta un Castellamonte al quale serve un punto per agguantare i play off. Mister Coccia è costretto a rinunciare a Permuy, Rafinha, Simon, Pucciarelli e lascia Cleber Biscaro in tribuna, dando spazio a Laino. I lanieri iniziano a buon ritmo, andando al tiro al 2° con Pelagatti, alto di poco, e colpendo la traversa con lo stesso Pelagatti al 3°. Al 4° fa il suo ingresso in campo dopo 10 mesi dalla rottura del crociato Alessandro Calamai, che oggi porta al braccio la fascia di capitano. Al 6° doppia chance per il Castellamonte con Rissi che prima impegna Laino, poi coglie il montante. Al 7° Apruzzese al tiro, deviato in angolo, poi all’8° Prato in vantaggio con un gran destro di Balestri sugli sviluppi di una punizione. Reazione immediata locale con palo di Cardamone. Ma il Prato è sul pezzo ed al 10° spreca un’occasione con Poggini, e un minuto dopo lo stesso Poggini e Balestri non concretizzano una chance sotto misura. Al 13° ci prova ancora Balestri che impegna il portiere mentre al 15° risponde bene Laino che si oppone a una bomba di Granata. Al 18° ecco il raddoppio del Prato ad opera di Poggini che insacca un assist di Daga. Il primo tempo si conclude sul doppio vantaggio ospite, ma subito ad inizio ripresa si nota che i padroni di casa sono entrati in campo con spirito ben più battagliero e, soprattutto, Granata sembra decisissimo a guidare la rimonta, impegando severamente Laino dopo 30″. Ma nel rovesciamento di fronte il giovane Brondi ruba palla ad un difensore ed insacca lo 0-3. Nemmeno il tempo di esultare e Rissi accorcia le distanze. Un solo giro di lancetta e Granata inziia il suo show con una girata da vero pivot che supera Laino. La gara si fa molto divertente, con Brondi che ci prova ancora la 4° tirando di poco fuori Al 6° e al 7° due conclusioni di Granata, la prima parata e la seconda sul palo. Ora segnatevi questo istante: 8° minuto del secondo tempo, assist di Santi e sinistro dal limite di Calamai che realizza la RETE del 4-2. Dopo una stagione a rincorrere il rientro, il giusto fine per una favola chiamata Alessando Calamai. Ma Granata deve pensare al proprio di sogno ed in due minuti, 13° e 14° realizza una doppietta che rimette il risultato in parità. Al 12° errore difensivo locale, palla tra i piedi di Balestri cha sigla il 5-4 che vale la sua ventesima rete stagionale, altra bellissima favola di un esordiente in serie B che ha vinto alla grande la scommessa propria e di tutto il Prato C5. Daniele Granata, però, non si scompone davanti alle nostre commozioni, ed al 12° riporta sul 5-5 la sua squadra appena rientrato in campo. Oggi non c’é proprio il tempo di annoiarsi, ed al 14° il Prato rimette il naso avanti con il 6-5 firmato Poggini, altro ragazzo del vivaio diventato ormai realtà assoluta. Il Castellamonte si affida al proprio bomber per le speranze di acciuffare il pareggio, ed al 16° ancora lui, super bomber Granata realizza il 6-6, addirittura di tacco, che vuol dire cinquina personale e  ben 54 reti in totale: mostruoso. Raggiunto il pareggio che vale i play off, i piemontesi rallentano viustosamente il ritmo, mentre il Prato prova ancora a vincerla, ma trova chiusi tutti i varchi, con la stanchezza che comincia a fare capolino. Finisce così con un 6-6 ricco, come abbiamo visto, di reti, di spunti tecnici, romantici e statistici. Finisce anche una stagione storica per il Prato C5, che torna in serie A2 dopo 8 anni di purgatorio al termine di una cavalcata entusiasmante, condotta sempre in testa col piglio della grande squadra. Grazie ragazzi, ed arrivederci in A2 da Aga.