GRAZIE RAGAZZI: è semifinale!

IMG_1426.JPG

L’immenso cuore biancazzurro stupisce ed emoziona ancora: Bra battuto anche al ritorno (4-2), è semifinale. Tripletta di Apruzzese, in gol anche Pasquariello. Sabato subito la sfida con i forti milanesi del Real Cornaredo: si gioca all’Estraforum alle ore 16.

PRATO-BRA 4-2
PRATO: Nardi, Ignesti, Camaroto, Birghillotti, Calamai, Pasquariello, Quattrini, Baldassarri, Gensini, Apruzzese, Di Lalla, Campagna. All. Quattrini.
BRA: Berteina, Eandi, Pagliero, Golé, Licciardi, Bussi, Borelli, Caccese, Bussetti, Granata, Ruggirello, Fabbri. All. Gioana.
ARBITRI: Curzi di Jesi e Palombi di Avezzano.
RETI: pt 1’49” Licciardi; 2’52”, 5’15” e 18’07” Apruzzese; 14’06” Pasquariello; 16’18” Bussi.
NOTE: ammoniti Licciardi e Apruzzese; nessun tiro libero; spettatori 100.

PRATO. Non finiremo mai di ringraziare i nostri eroici biancazzurri. Nel momento cruciale di una stagione difficile, vissuta tra alti e basi e con qualche difficoltà inattesa, i lanieri hanno dimostrato ancora una volta di essere squadra, di saper soffrire, di crederci fino in fondo. E’ semifinale e non pare vero, rivivendo il film di una stagione travagliata, ripensando a quel Prato che nelle prime fasi della stagione era settimo ed in affanno. La qualificazione è il premio meritato al lavoro di tutto un gruppo ed alla tenacia della società, che ha saputo tenere a galla la barca biancazzurra.

Naturalmente, nessuno adesso deve pensare ad accontentarsi. Non è tempo per le celebrazioni. La realtà si chiama semifinale e le avversarie sono fortissime, per di più con un sorteggio non felice per i lanieri. Subito sfida in casa sabato col Real Cornaredo, forte squadra milanese, e sarà la terza in otto giorni. Il Prato avrà poi un po’ di riposo solo se vince, altrimenti – se pareggia o perde – tornerà subito in campo per recarsi in Puglia in casa del Salinis, la squadra che appare la favorita del triangolare di semifinale.

Vale comunque la pena rivivere velocemente i quarti di finale. Dopo il 5-3 dell’andata il Prato non si fida e fa bene, visto che il Bra si presenta all’Estraforum deciso a vender cara la pelle, tanto da sbloccare subito la situazione col gol di Licciardi, che in un capovolgimento di fronte inganna Nardi che si aspettava forse l’appoggio a secondo palo per l’accorrente Granata.

E’ un gol che giunge dopo un’occasione fallita da Di Lalla e che gela un palazzetto già stranito dalle vicende extrasportive, che hanno limitato a 100 gli appassionati ed addetti ai lavori ammessi all’evento per “ridotta capienza”. Problema questo che rischia tra l’altro di minare l’entusiasmo per la semifinale casalinga di questo sabato: arrivare ad una gara così importante e non poter contare sui propri tifosi sarebbe davvero un gravissimo handicap, oltre che un autentico dispiacere vista la folla di appassionati che sarebbe attesa per la sfida. Vedremo se al riguardo ci saranno sviluppi, ma il “ponte” del 25 aprile non aiuta.

Dicevamo del gol di Licciardi. Il Prato, come già all’andata, è bravo a non perdere la testa e reagire subito: sontuoso contropiede condotto da Birghillotti, appoggio per Apruzzese che non sbaglia l’1-1 quasi immediato.

Nei primi minuti la partita è caotica ed emozionante, con continui capovolgimenti di fronte e difese quantomeno “rivedibili”. Decisivo Nardi a deviare sulla traversa una botta a colpo sicuro di Granata, bravo il giovane Berteina a deviare sul palo un tiro di Di Lalla.

La svolta al 5’15″: Nardi esce con ottimo anticipo al limite dell’area, smorzando di petto per Birghillotti che lancia Di Lalla, palla in mezzo per Apruzzese ed è il vantaggio. Il Prato da qui in poi soffrirà anche molto ma non sarà mai ripreso.

Tanto più che poco entro il 15′ un’azione personale di Pasquariello, già a segno nella gara d’andata vinta per 5-3, vale il 3-1 biancazzurro.

La sfida però è tutt’altro che chiusa. Il Prato si distrae per un battibecco e non difende su un calcio d’angolo di Granata, bravo a trovare l’inserimento del giovane Bussi che infila il 2-3 dei braidesi. Mai perdere la concentrazione, eppure ormai i lanieri dovrebbero saperlo bene.

Le cose vengono rimesse a posto a meno di due minuti dal riposo, col 4-2 che arriva al termine di una spettacolare azione di prima: Birghillotti-Di Lalla-Apruzzese e gol di quest’ultimo che, pur in non perfette condizioni fisiche, chiude la sua tripletta personale. Per Apruzzese tra campionato e play-off sono già 28 i gol stagionali (ai quali si potrebbero assommare un paio di reti “sporche” finite in classifica come autoreti).

La ripresa vede il Bra intensificare gli sforzi ed il Prato confermare di non essere bravo quando tenta di gestire il risultato. I lanieri concedono troppo campo agli avversari e finiscono per soffrire e rischiare più del lecito. Soprattutto quando Granata sfiora il 3-4 per i ragazzi di Gioana: per il bomber palo al 3′ e traversa al 6′.

La riscossa per il Prato la suona una punizione di Calamai che si stampa sul palo interno. Passano i minuti ed il punteggio non si muove, ed anzi sarebbe il Prato a segnare. Percussione di Gensini, palla che schizza a centro area per il fulmineo inserimento di Baldassarri che infila uno splendido gol di rapina. Purtroppo non convalidato, perché lo sviluppo dell’azione ha portato l’arbitro a fischiare subito senza concedere il vantaggio. Gli arbitri però vanno assolti: si trattava di un vantaggio davvero difficile da vedere, le giacchette nere nella circostanza sono state sfortunate.

Il Bra non molla fino più o meno al 16′, quando la spinta ospite si affievolisce e c’è spazio anche per i giovani. In casa laniera mister Quattrini non aspetta altro, e ci sono così tre minuti per Campagna tra i pali e secondi preziosi per Camaroto ed Ignesti, che compiono l’esordio in serie B.

Al fischio finale appausi per tutti e fair-play in campo. Onore al Bra che si è confermato un avversario forte e leale, onore al Prato che ha mantenuto fede alle dichiarazioni della vigilia: dare tutto per onorare la maglia e la città e tentare di andare il più avanti possibile. Senza limiti.

Sabato 27 aprile alle ore 16, come detto, subito la sfida con i forti milanesi del Real Cornaredo: si gioca all’Estraforum alle ore 16. L’altro avversario, che il Prato affronterà in trasferta (Puglia), è il favorito del triangolare, il Salinis.

Il Real Cornaredo ha eliminato lo Jesolo: dopo il 2-2 in trasferta dell’andata, i milanesi hanno vinto in casa 6-3.

Il Salinis dal canto suo ha rimontato il 3-2 patito nelle Marche, stracciando il Porto San Giorgio con un eloquente 12-4 che la dice lunga sulla forza dei pugliesi. Il Prato, per esito del sorteggio, giocherà la sua trasferta del girone di semifinale proprio sul campo del Salinis.

Dall’altra parte del tabellone, bella qualificazione anche per la Coop Atlante Grosseto che ha eliminato l’Imola: 3-1 per i ragazzi di Agosti in casa dopo l’1-1 di sabato scorso in trasferta. In serata le sfide di ritorno Futsal Barletta-Cus Ancona (3-3 all’andata) e Came Dosson-Futsal Bresso (4-6 nel primo match).