Gualchieri: “Non siamo appagati, ora vogliamo i play-off”

Renzo Gualchieri, vice presidente Prato C5

Esplode l’entusiasmo intorno al Prato C/5 ma per la società non è tempo di festeggiamenti. La salvezza non basta, l’obiettivo ora sono gli spareggi per la promozione in serie A1. Leggere per credere l’intervista al vice presidente laniero Renzo Gualchieri.

Renzo Gualchieri, vice presidente laniero, invita a non abbassare la guardia: "Vogliamo i play-off" (foto Bilenchi)

Renzo Gualchieri, vice presidente laniero, invita a non abbassare la guardia: “Adesso vogliamo i play-off” (foto Bilenchi)

PRATO. Oltre tutte le aspettative. Il Prato Calcio a 5 è quarto, già salvo, vicino ai play-off, circondato da entusiasmo crescente. In casa laniera si respirano di nuovo sensazioni antiche, il grande pubblico ancora magari non se n’è accorto ma i risultati sono sotto gli occhi di tutti: il Prato è tornato e fa sul serio.
Tanto sul serio che la società biancazzurra non si accontenta. Si gode il momento d’oro ma non è appagata dalla salvezza già raggiunta. In palio c’è qualcosa di più importante, come afferma il vicepresidente del Prato Calcio a 5, Renzo Gualchieri.

Gualchieri, i numeri vi danno ragione. Sesta vittoria di fila in casa, terza consecutiva in campionato, decima in stagione. Soddisfatti?
Molto. Questo è un grande Prato. Sono molto contento della vittoria sul Carmagnola e di tutti i successi che stiamo ottenendo, soprattutto in casa. Credo sia molto contento anche il pubblico, vedo che inizia a seguirci sempre più numeroso. Sabato c’era una bella cornice di pubblico. E’ una grande soddisfazione per noi e ringrazio i tifosi per tutto il calore e l’entusiasmo che ci trasmettono. Avanti così e visto che ormai siamo in ballo, balliamo.

Il presidente Aniello Apicella ed il vice Renzo Gualchieri alla vittoria del Bacchino come Squadra dell'anno (foto Bilenchi)

Il presidente Aniello Apicella ed il vice Renzo Gualchieri alla vittoria del Bacchino come Squadra dell’anno (foto Bilenchi)

L’avreste mai detto che la salvezza quasi quasi non la festeggiavate neanche?
No, mai. La A2 è un campionato nuovo per noi. All’inizio c’è sempre un po’ di timore e noi non eravamo partiti tanto bene. Col passare delle giornate però abbiamo acquisito sicurezza ed i risultati sono venuti sempre di più. Adesso effettivamente stiamo giocando bene, siamo abbastanza quadrati in campo ed i numeri ci danno ragione.

Anche col Carmagnola l’avete vinta di squadra.
Sì, con un’ottima prova del gruppo. Il nostro collettivo è molto affiatato. E’ stato importante anche il rientro di Lucas. Con una gamba e mezzo è riuscito a fare due gol. Peccato per l’espulsione, era qualche minuto che dicevo di toglierlo perché era già stato ammonito ed era un po’ nel mirino degli arbitri. Comunque sono episodi che fanno parte del gioco, va bene così.

L’obiettivo adesso sono i play-off.
Certo. I play-off a questo punto sono a tiro e vogliamo arrivarci per forza. Lì troveremmo tutte squadre attrezzate e di alto rango, sappiamo quanto sarebbe dura, ma non ci tiriamo indietro e sono certo che sapremmo dire la nostra. Intanto al primo anno di serie A2 abbiamo raggiunto la salvezza matematica con quattro giornate di anticipo. Non mi sembra poco.

Gualchieri in campo festeggia abbracciato ai suoi ragazzi (foto Bilenchi)

Gualchieri in campo festeggia abbracciato ai suoi ragazzi (foto Bilenchi)

Dati alla mano, se eravate partiti in stagione con l’andamento attuale eravate in lotta per il vertice.
Il nostro girone di ritorno è bellissimo, saremmo secondi ad un solo punto dalla Came. In avvio abbiamo perso qualche partita che non dovevamo perdere, però è normale pagare un po’ lo scotto della categoria nuova. Poi siamo stati bravi a quadrarci, grazie al nostro allenatore Roberto Coccia, al suo vice Giuliano Di Giosio, all’impegno dei ragazzi e di tutte le componenti del Prato Calcio a 5. Siamo rimasti uniti ed abbiamo tutti cercato di dare il meglio, ed i risultati si stanno vedendo.

Non è la prima volta che il Prato Calcio a 5, in questi anni, si dimostra bravo nel cambiar pelle in corsa.
Non sempre le cose vanno come vogliamo, e se c’è da cambiare si cambia. Dalla serie B alla A2 c’è una bella differenza, poi la A2 di quest’anno è tosta. La classifica è molto corta, adesso ci siamo un po’ staccati noi ma fino a ieri era cortissima. Bastava perdere due partite di fila per essere risucchiati indietro. Siamo stati bravi ad imporre il nostro gioco, specialmente in casa, e ad ottenere qualche vittoria in trasferta che ci ha fatto molto comodo.

Il vice presidente laniero in Nuova Comauto ad inizio stagione per la presentazione delle nuove maglie da gioco (foto Bilenchi)

Il vice presidente laniero in Nuova Comauto ad inizio stagione per la presentazione delle nuove maglie da gioco (foto Bilenchi)

Sabato c’è lo scontro diretto a Pesaro e sarà durissima. Il PesaroFano in casa dà il meglio di sé ed è molto motivato. I numeri dicono anche che, se vincete, siete matematicamente ai play-off.
Andiamo a Pesaro convinti della nostra forza. Ci mancherà Lucas ma rientrerà Arteiro. La squadra c’è, sono sicuro che faremo la nostra partita anche a Pesaro. Sono molto contento anche dei minuti di Benlamrabet contro il Carmagnola. Alessio è un giovane che si allena con costanza. Non dimentichiamo che viene da Massa tutti i giorni, non è una cosa semplice. Ha fatto buoni minuti ed anche un bel tiro. C’è da lavorarci sopra ma pian piano chi ha personalità riesce sempre ad emergere.

Gualchieri, il sorriso che ha negli occhi vale più di mille parole. Maledetto calcio a 5, ma allora ne vale sempre la pena?
Maledetto calcio a 5, sì (sorride, ndr). Una decina di giorni fa ho compiuto 67 anni, però non mi riesce di staccarmi dai palazzetti, da questi giovani. Anche adesso potrei andare a casa ed invece vado a prendere mia moglie ed insieme usciamo a mangiare la pizza insieme a questi fantastici ragazzi. Mi piace stare con loro, amo questo gruppo e mi diverto. E finché mi diverto, avanti così! E forza Prato!