Il commento “oltre la cronaca” di Cesare Bernabò

RafinhaPrato-Atlante nelle parole dell’opinionista Cesare Bernabò. La vittoria ha riportato i lanieri a soli due punti di distanza dai play-off, la corsa è ancora lunga e difficile ma adesso è tornata possibile. Grande prestazione per il neo-acquisto Rafinha.

Prato “corsaro”: 3 punti di ossigeno per agganciare i “play-off”
SuperBeppe “cala il poker”, Welly il “tris”: bravo Mr Roby Coccia, “la strada è quella giusta”
Col Castellamonte al “riposo”, la 2a di ritorno del campionato di calcio a 5 in Serie B gir. A ha confermato il vantaggio – su tutti – delle altre due piemontesi “capolista”: Bra e Libertas Astense.
Anche la Poggibonsese di Cristian Busato con un secco 6-0 di proporzioni tennistiche batte l’Isolotto e si conferma terza forza in campionato.
Il Cus Pisa di Nico Lami inchioda, se possibile, ancor più i Blue Orange all’ultimo posto (l’unico a rischio retrocessione) guadagnando un ottimo centro classifica, come pure I Bassotti che frenano sul 2-2 la “corsa astigiana”.
In questo “entourage”, in base a quanto è accaduto sugli altri parquet e/o terreni gommati della cosiddetta cadetteria e – soprattutto – considerando quella vogliosità mostrata dai biancazzurri (nonostante qualche fisiologica e comprensibilissima “defaillance”), i pochi ragazzi a disposizione della “carovana” del presidente Aniello Apicella hanno confermato quanta convinzione ed orgoglio sia riuscito ad inocular loro il Grande e signorile Roberto Coccia.
Non sono solito parlar dei Direttori di gara, ma quando il loro operato sia così puntuale, intelligente, sereno e – volutamente – “invisibile” come quello mostrato dai Sigg. Arbitri De Matteis di Mestre e Fanton di Vicenza (ivi compreso il cronometrista Vannucchi di Prato), il calcio a 5 – a qualsiasi livello – riacquista il suo più accattivante e genuino “sapore”.
Sì, un Prato corsaro, capace di aggiudicarsi tre punti preziosissimi, “di puro ossigeno” per agganciare la cosiddetta “fascia play-off”, della serie: “giuoca e lascia giuocare”, davvero una bella e divertente partita!
Beppe Apruzzese ritorna “Superbeppe-goal”, cala un poker di reti niente male e quando non segna, fa segnare.
Welly, con il suo tris di conclusioni succulente, diventa “l’incubo digestivo” del pur bravo e reattivo portiere ospite Verani. Bene, anzi benissimo – come al solito – Vincentini, protagonista sempre nel saper “cantare e portar la croce”, e dulcis in fundo menzioniamo il bellissimo goal di Oscar, la cui caratura tecnica e lucida convinzione non è seconda neppure a quella del giuocatore numero 13 della rosa biancazzurra, alias Rafinha, capace di sbloccare il risultato (goal dell’1-0 al 3’ e pochi “spiccioli”) con un siluro all’incrocio sinistro del pur attento Verani. La rete, per onestà di cronaca (va detto), è frutto anche e soprattutto dell’ottimo lavoro d’intesa della “premiata ditta” Welly-Beppe-Raf.
Un – per me – rarissimo inciso affettivo: sebbene non ami parlare degli assenti, nelle mie brevi impressioni oltre la cronaca mi manca come – penso e son certo – manca a molti tifosi biancazzurri “Rambo” Birghillotti ed il suo rassicurante e leale sorriso: un abbraccio ideale, Epico e Stim.mo “Dani”!
Conchiudendo questo mio solito commento, anche meno corposo del solito: un plauso anche da serbare al nostro neo portiere Cleber Biscaro.
Forse – inutile nasconderlo – il recente acquisto ed estremo difensore laniero ama abbandonarsi un po’ troppo allo spettacolo di bei tuffi da figurine Panini (anziché riavviar l’azione celermente) ignorando, per scelta o meno, quella concretezza e maggior invisibilità propria dell’“estremo”, che – a mio modesto modo di vedere – sarebbe auspicabile ad ogni livello di Futsal ed a cui eravamo più avvezzi, ma, probabilmente, nell’ottica di un nuovo “Calcio a 5”, va bene anche così!
Come dice la nota Rosssella O’Hara alla fine del famoso film “Via col vento”: “Dopo tutto, domani è un altro giorno” e… un ideale “The End”, da aggiungere al mio commentino, e – l’ormai canonico – FORZA PRATOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!
Cesare Bernabò