Il gol di Daga apre al Prato C/5 le porte del paradiso

Prato-Nursia-0071.jpg

Espugnato in extremis il PalaZanè: decide un gol di capitan Daga a 5 secondi dal termine, dopo che Schacker (doppietta) aveva pareggiato a 1’01” dalla fine. I lanieri hanno vinto 7 delle ultime 10 partite, 5 delle quali con un solo gol di scarto. Cuore biancazzurro!

MENEGATTI METALLI-PRATO 2-3
MENEGATTI METALLI: Bastini, Bellio, Vigolo, Grumiche, Batata, Belloni, Sgolastra, Racale, Santana, Alemao, Lamedica, Ruzza. All. Albertini.
PRATO: Perez, Benlamrabet, Sarti, Pagnussatt, Martelli, Schacker, Daga, Balestri, Arteiro, Fusari, Lucas, Campagna. All. Coccia.
ARBITRI: Burattoni di Lugo di Romagna e Lontani di Ravenna; cronometrista Mestieri di Finalemilia.
RETI: pt 14’45” Sgolastra, 16’03” t.l. Schacker; st 8’17” Lamedica, 18’59” Schacker, 19’55” Daga.
NOTE: espulso Alemao al 40’; ammoniti Sgolastra, Santana, Arteiro; tiri liberi Prato 1/2 (Schacker 1/2); spettatori 200 circa.

Tiago Daga ha insaccato un gol che vale oro: la salvezza è quasi matematica, la corsa play-off è lanciata (foto Bilenchi)

Tiago Daga ha insaccato un gol che vale oro: la salvezza è quasi matematica, la corsa play-off è lanciata (foto Bilenchi)

ZANE’ (VI). Capolavoro Prato. Nonostante le assenze di Lucas e Bertoldi, i lanieri di Coccia hanno avuto il merito di crederci fino alla fine, conquistando all’ultimo tuffo un successo fondamentale. I lanieri sono stati bravi a rimontare due volte senza mai perdere la testa, avendo anche coraggio ed un pizzico di fortuna nel finale. Un dato statistico ci aiuta a comprendere quanto sia grande il cuore biancazzurro: il Prato ha vinto 7 delle ultime 10 partite, 5 delle quali con un solo gol di scarto, sintomo questo della grande forza mentale del collettivo pratese. Delle 9 vittorie stagionali, 7 sono state quelle ottenute con una sola rete di vantaggio, 2 delle quali con il gol vittoria a 5 secondi dalla fine. I tre stop degli ultimi mesi sono stati in casa di Imola, Came e Milano, vale a dire le prime tre della classifica. Le altre, tutte battute: davvero niente male, biancazzurri!
Tornando a Zanè, lanieri sotto nel primo tempo sul gol di Sgolastra, che buca centralmente la retroguardia laniera. In precedenza le migliori occasioni erano state a metà tempo per Arteiro e per Batata.
Pronta la reazione laniera e Schacker pareggia su tiro libero con una conclusione di grande precisione a filo del palo di sinistra.
Nel finale di tempo protagonista il portiere locale che salva su Pagnussatt a colpo sicuro liberato da Fusari (17′) e su Schacker su un altro tiro libero (18’08”).
Nella ripresa chance per Sgolastra (Perez salva in angolo dopo 44 secondi) e Daga (uscita di Bastini al 5′) poi segna Lamedica ed il Prato sembra non riuscire a scardinare la difesa veneta, con Fusari che si dimostra il più attivo là davanti.
Momento-chiave al 15’45″: Batata si libera centralmente e potrebbe chiudere il conto, Perez però gli dice di no. Scampato il pericolo il Prato passa al power play, inserendo a 4’02” dal termine Arteiro come portiere d’attacco. La mossa paga ed il finale è pazzesco.
A un minuto ed un secondo dalla fine pareggia Schacker liberato da Balestri, poi Alemao si fa espellere ingenuamente ed i lanieri, a 46 secondi dalla fine, non si accontentano del pari. Fanno bene: su assist di Balestri, capitan Daga mette dentro un gol che per i biancazzurri vale oro. Quarto posto consolidato, salvezza quasi matematica, corsa play-off lanciata: è un Prato che sogna in grande.

Serie A2 – 6a di ritorno
Carrè Chiuppano-Arzignano 2-2
Nursia-Aosta 8-0
Menegatti Metalli-Prato 2-3
PesaroFano-Imola 3-5
Carmagnola-Came Dosson 2-2
Milano-Cagliari 4-2

Classifica: Imola 41; Came Dosson 40; Milano 37; Prato C/5 28; PesaroFano 24; Arzignano 21; Carmagnola e Maran Nursia 19; Menegatti Metalli 16; Crocchias Cagliari 15; Aosta e Carrè Chiuppano 14.

Settima di ritorno (sabato 27.2.2016)
Aosta-Carrè Chiuppano (ore 15)
Cagliari-Menegatti Metalli (ore 16)
Imola-Milano (ore 16)
Came Dosson-Nursia (ore 16)
Prato C/5-Carmagnola (ore 16)
Arzignano-PesaroFano (ore 16)