Il numero 1 Perez: “Ci aspetta una partita molto difficile”

perezIl portierone biancazzurro attende con trepidazione l’esordio stagionale di domani all’EstraForum (ore 16) e predica calma e concentrazione: “La A2 è un campionato difficilissimo, noi lo sappiamo bene. Massimo rispetto per l’Atlante, sarà dura”.

Il portiere Thiago Perez è al secondo anno in biancazzurro (foto Bilenchi)

Il portiere Thiago Perez è al secondo anno in biancazzurro (foto Bilenchi)

Thiago Perez, domani c’è la prima di campionato. Sensazioni?
Credo che sia giunto il momento più bello. Abbiamo fatto una bella preparazione, ora è arrivato il momento di dimostrare che siamo pronti e che siamo una bella squadra.

E’ subito derby contro il Grosseto che è una matricola. Non c’è un rischio sottovalutazione?
Nessuno. Quella con l’Atlante sarà una partita difficile come tutte quelle del campionato. Abbiamo già disputato il campionato di A2 l’anno scorso e quest’anno sicuramente è ancora più duro. Non c’è da sottovalutare nessuno, soprattutto il Grosseto che è una squadra che non conosciamo e che merita il massimo rispetto.

Come vedi questo Prato “spagnolo”?
Vedo una squadra che sta molto bene fisicamente e che ha molta qualità. Adesso queste qualità dobbiamo farle vedere in campo, come già abbiamo fatto nelle amichevoli. Ora però è più dura, si fa sul serio ed abbiamo una prima sfida subito molto difficile. Sicuramente saremo in grado di fare una gran partita.

Perez è bravo anche con i piedi (foto Bilenchi)

Perez è bravo anche con i piedi (foto Bilenchi)

Peccato per l’abbandono di Marco Campagna.
Peccato, sì. Era un portiere giovane, un ragazzo a cui io particolarmente tenevo molto. E’ andata così, queste cose nello sport succedono e bisogna sempre guardare avanti. Adesso in squadra abbiamo Niccolò (Buti, ndr), un ragazzo ancora più giovane che sta crescendo ad ogni allenamento.

Il Prato di mister Madrid sembra tutto votato all’attacco. Non è che finiremo per vederti pivot?
Non credo proprio (ride, ndr). E’ un Prato molto offensivo ma con le qualità per farlo, quindi giocherò un po’ fuori dalla porta ma non credo che arriverà il momento di mettermi pivot (ride ancora, ndr).

Contento di essere tra i pochi rimasti?
Sì, sono contento. Sapevo quanto ci tenevo a questa società e so che la società ha compiuto un grosso sforzo per farmi rimanere. Spero di disputare un’annata all’altezza, nella quale far vedere il mio valore partita dopo partita, ringraziando così la società per tutti gli sforzi.

Domani sarà possibile sottoscrivere la tessera di socio sostenitore biancazzurro 2016/2017

Domani sarà possibile sottoscrivere la tessera di socio sostenitore biancazzurro 2016/2017