Il Prato C/5 fa 2-2 a Merano, ma che sofferenza!

Daga2Esordio con un pareggio per il Prato nel triangolare di Coppa. Bubi Merano in vantaggio per 2-0, poi rimonta laniera con reti di Marcel Simon e TiagoDaga. Ora col Chiuppano serve solo la vittoria per conquistare la final eight.

BUBI MERANO-PRATO
BUBI MERANO: Romanelli, Marisa, Mair, Manzoni, Mustafov E., Costa, Moretti, Mustafov R., Mancin, Guerra, Vanin, Romanato. All. Allegri.
PRATO: Biscaro, Pelagatti, Brondi, Bertoldi, Poggini, Simon, Daga, Apruzzese, Balestri, Rafinha, Permuy, Campagna. All. Coccia.
ARBITRI: Colombin (Bassano del Grappa) e Urban (San Donà di Piave); cronometrista Iuliano (Lamezia Terme).
RETI: pt 5’39” Guerra; st 2’22” Marisa, 4’07” Simon, 5’08” Daga….
NOTE: ammoniti Mustafov R., Guerra, Rafinha; spettatori 100 circa.

Con una delle prestazioni meno brillanti della stagione il Prato C5 ottiene un pareggio per 2-2 in casa del Bubi Merano al termine di un match assai sofferto. Gli altoatesini, sconfitti 6-2 dal Chiuppano e con un piede già fuori dalla Coppa, hanno messo in campo molti giovani che però hanno messo in campo grinta da vendere ed anche discreta qualità. Il Prato invece non é mai riuscito veramente ad esprimersi come al solito, patendo oltre misura la pressione degli avversari e commettendo ingenuità che potevano costare molto care. Già l’inizio gara faceva intuire che il Prato non era nella serata milgiore, anche se era sua la prima occasione al 4° con Balestri, stoppato in uscita dall’espero Romanelli. Al 5° la prima frittata pratese, con palla persa malamente a metà campo che permetteva a Guerra di involarsi in contropiede e di fulminare Biscaro per la rete dell’1-0. Al 6° palo dei locali con un destro di Guerra deviato, ed al 7° é la traversa a salvare i nostri dalla seconda capitolazione. La manovra del Prato stenta proprio a decollare, anche se il finale di tempo vede i ragazzi di Coccia forzare un pochino i ritmi e farsi pericolosi con Rafinha e Simon, bloccati bene dal portiere, e con Daga che spreca a porta vuota un assist di Rafinha. Nella ripresa ci aspettiamo un altro approccio, invece al 2° i lanieri commettono un altro errore difensivo grossolano, che permette a Marisa di battere per la seconda volta Cleber Biscaro. A questo punto brutti presagi percorrono i nostri cuori, con la quaificazione che sembra allontanarsi. Buon per noi che al 4° ci assiste un pizzico di fortuna, quando un tiro di Simon viene deviato nella propria porta da un difensore di casa. Sfrutta il momento buono il team biancoazzurro ed al 5°, dopo un batti e ribatti tambureggiante, Daga pareggia il conto con un tiro incrociato che pesca il sette. Risultato raddrizzato in meno di un minuto, quindi, ma il Merano sfiora subito il nuovo vantaggio con un gran destro di Vanin che impegna severamente il nostro numero uno. La partita, pur non esaltante, scorre via sul filo dell’equilibrio, con qualche occasione da una parte e dall’altra, ma con il Prato molto più preoccupato in quanto, in caso di sconfitta, vedrebbe materializzarsi l’eliminazione. Brividi specialmente negli ultimi 90″ di gioco, quando il Merano inserisce il portiere di movimento per provare a vincerla. Per fortuna non succede più niente ed il Prato si porta a casa un pareggio non esaltante, ma utile per tenerlo ancora a galla nel triangolare. Certo contro il Chiuppano dell’ex Pablo Ranieri ci vorrà tutt’altra partita per sperare in un successo, unico risultato possibile per agguantare la final eight. Ricordiamo intanto che sabato prossimo, in campionato, arriverà all’Estraforum l’Elmas, secondo in classifica, ed anche qui sfida di altissimo livello.