Il ritorno in biancazzurro di Devid Vincentini

vincentini5

Primo nuovo arrivo in casa Prato Calcio a 5, e si tratta di un graditissimo ritorno. E’ infatti ufficiale l’approdo in biancazzurro di Devid Vincentini, attaccante che ha già vestito la maglia laniera svariate volte negli anni scorsi, serie A compresa.

Vincentini quest’anno ha vinto tutto quello che c’era da vincere con l’Isolotto Fondiaria di mister Chiappini, trionfatore sia in Coppa Italia che nel campionato toscano di serie C1. L’attaccante, nato a Firenze il 23.4.1979, ha contribuito con 16 gol in campionato e 3 in Coppa.
Devid, con che spirito vivi questo tuo ennesimo ritorno in biancazzurro?
“Torno con entusiasmo e con grande voglia di fare bene. So che la società sta lavorando per allestire una squadra in grado di lottare ai vertici, e questo dà motivazioni davvero stimolanti”.
Con l’Isolotto hai vissuto una stagione ricca di vittorie.
“Ed anche molto bella, sì. Ci siamo levati grosse soddisfazioni. La società era partita puntando sia alla Coppa che al campionato, ma le vittorie non sono mai scontate ed essere riusciti ad ottenerle è stato un grande successo. Sono contento di aver dato il mio contributo segnando un buon numero di reti. Ringrazio i miei compagni e l’allenatore per quest’annata fantastica vissuta insieme. Peccato poi che la storia sia finita com’è finita, ma ognuno fa il proprio percorso, la vita e lo sport sono così”.

Devid Vincentini torna al Prato C/5

Vincentini torna al Prato C/5

Torni in un Prato che è in pieno rinnovamento.
“Sì, alcuni giocatori di peso sono andati via, Pippo Quattrini in primis, ma altri giocatori importanti sono rimasti. Per me sarà bello ritrovare anche dei vecchi compagni di squadra e giocatori che già conosco. Spero che tutti insieme si riesca ad essere molto competitivi anche nella prossima stagione”.
Stagione che sarà di serie B, ma che ad un certo punto si sognava potesse essere di A2.
“Eh, sarebbe stato bello tornare a giocare in A2. Peccato, il Prato quest’anno è arrivato davvero ad un soffio dalla finale per la promozione. E’ mancato forse un pizzico di cattiveria. Speriamo di poterci riprovare quest’anno, voglia e prospettive non mancano. L’ambizione, ripeto, è lottare ai vertici della categoria”.
Sarà la prima esperienza da allenatore per Roberto Coccia, come la vedi?
“Per prima cosa sono contento di ritrovarlo, abbiamo un bel rapporto. Abbiamo giocato insieme al Prato e al San Michele, adesso lo avrò come allenatore. Spero sia contento del mio arrivo. Ha di fronte un compito non agevole, la prima esperienza da allenatore non è mai facile per nessuno. I giocatori di maggiore esperienza dovranno mettersi al suo servizio per dargli una mano, così come sono certo che una grossa mano la darà lui a tutti noi giocatori”.
Qualche brivido nel tornare all’Estraforum?
“Giocare al PalaPrato dà grandi emozioni, soprattutto quando indossi la maglia del Prato. Scendere in campo in quell’ambiente bellissimo e pieno di storia è fantastico. Sono molto contento di essere nuovamente qui, il presidente Apicella lo sa. Del resto col Prato ci siamo presi e lasciati varie volte negli anni, ma non ci siamo mai lasciati male. I rapporti sono sempre rimasti ottimi ed infatti eccomi qui, pronto per un nuovo ritorno. Con tanta voglia di fare bene”.

vincentini2

vincentini6