Impresa a Chiuppano: un grande Prato vince 5-4 ed è quinto

rete arteiro

Un super Prato espugna per 5-4 il campo del Carrè Chiuppano. In vantaggio 3-0, doppietta di Balestri e gol di Arteiro, i lanieri vengono raggiunti nella ripresa. Poi l’allungo decisivo con le reti di Dall’Onder e Lucas.

CHIUPPANO: Josic, Rossi, Guzzonato, Adami, Iglesias, Lucca, Pedrinho, Gulizia, Buonanno, Dereck, Pereira, Azzolin. All. Gera.
PRATO: Perez, Benlamrabet, Marku, Pagnussatt, Schacker, Daga, Dall’Onder, Balestri, Arteiro, Fusari, Lucas, Campagna. All. Coccia.
ARBITRI: Simonazzi di Reggio Emilia e Maragno di Bologna; cronometrista Borgo di Schio.
RETI: pt 8’22” e 8’56” Balestri, 9’59” Arteiro , 11’07” Pedrinho; st 1’55” e 19’19” Pedrinho, 3’59” Buonanno, 7’26” Dall’Onder, 18’54” Lucas.
NOTE: espulso Iglesias per doppia ammonizione (6’24” st); ammoniti Adami, Gulizia, Buonanno, Pereira, Perez, Daga e Lucas.

Con un grandissimo cuore e tanta qualità il Prato C5 si regala il quinto posto in classifica, la zona play off ed un Natale più che sereno, andando ad espugnare per 5-4 il campo del Carrè Chiuppano. Che sarebbe stata un’autentica battaglia era ampiamente nelle previsioni, ed anche quando la partita si era messa bene sul triplo vantaggio laniero nel corso del primo tempo, nessuno si era illuso che la pratica fosse chiusa. E così infatti è stato. Un match particolarmente equilibrato fino all’8° minuto, quando metronomo Balestri metteva dentro la palla del vantaggio. Autentica mazzata per i locali che nel giro di 30 secondi venivano puniti ancora da Balestri, gran doppietta per lui. Bravissimo e cinico il Prato a sfruttare il momentaccio dei veneti, ed al 10° Arteiro insaccava la rete del 3-0. Un minuto appena e quel gran giocatore di Pedrinho accorciava le distanze rimettendo in partita i suoi. Intanto entrambe le squadre esaurivano il bonus falli, con Lucas che veniva ammonito per una dubbia simulazione. Al tiro libero ci andava il Prato al 18°, ma la conclusione di Daga veniva ben parata da Josic. Il secondo tempo iniziava con i padroni di casa sospinti da un forte ardore agonistico ad un pubblico ora molto caldo. Al 1° occasione per Gulizia, ed al 2° ancora Pedrinho batteva imparabilmente Perez. Al 4° quasi scoccato, uscita non riuscita di Perez, rimpallo favorevole a Buonanno per i quale era facile mettere  dentro a porta vuota la palla del 3-3. Rimonta subita e quindi momento delicatissimo per la squadra di Coccia, che però era molto brava a mantenere calma e concentrazione. Al 6° veniva ammonito per proteste lo spagnolo Iglesias il quale, ingenuamente, appena 30 secondi dopo commetteva un fallo chiaramente da giallo che gli costava l’espulsione. In superiorità numerica il Prato era all’inizio troppo frettoloso, con un paio di conclusioni precipitose dalla distanza. Poi Daga rubava palla sulla tre quarti e creava superiorità numerica, servendo Lucas che di prima pescava Dall’Onder solo soletto sul secondo palo, ed il pivot laniero metteva nel sacco la palla del nuovo vantaggio. Il Chiuppano si riportava in avanti, ma il team di Coccia era molto preciso e attento nelle chiusure e grossi pericoli non venivano corsi anzi, al 16° era Arteiro a sfiorare la rete con un lob salvato sulla linea. A due minuti dalla fine il Carrè si giocava la carta del portiere di movimento, creando un paio di occasioni buone, specie con Gulizia che a 1’20” dalla sirena colpiva il palo. Al 19° un grintosissimo Lucas, tra l’altro non in perfette condizioni fisiche, rubava palla a metà campo, si involava verso Josic e lo batteva di giustezza. Sembra il gol el k.o ma il solito Pedrinho metteva nel sacco il gol del 4-5 quando ancora mancavano 41 secondi alla fine. Per fortuna la difesa laniera reggeva l’ultima, disperata onda d’urto dei veneti, portando a casa una vittoria tanto meritata quanto importante, che proietta gli uomini del presidente Apicella ad un prestigioso quinto posto in graduatoria.  Ora la sosta per le festività, si ripartirà nel 2016 con la trasferta contro la capolista Ma Group Imola.