La soddisfazione di Pippo Quattrini: “Vai Dimitri!”

quattriniL’ex capitano laniero ed attuale allenatore dei Bulls Prato di C1, l’indimenticato Gladiatore Pippo Quattrini, commenta la decisione di lasciar andare Dimitri Pelagatti al Prato Calcio a 5: “Per lui è una grande opportunità”.

All’indomani del passaggio di Dimitri Pelagatti dai Bulls al Prato C/5, il grande Pippo Quattrini ci spiega il senso dell’ok dato al trasferimento definitivo del giocatore. Lo fa con parole di notevole spessore, all’insegna del cuore che da sempre contraddistingue l’ex capitano laniero: “Abbiamo detto di sì perché questa è una grande opportunità per il ragazzo. Ci è sembrato giusto dargli la possibilità di giocare nel glorioso Prato Calcio a 5, in quello stesso palazzetto che a me ha dato la consacrazione in questo sport davanti a tanta gente fantastica. Spero di avere regalato a Dimitri un qualcosa che si porterà dentro per tutta la vita”.

4 giugno 2003: Pippo Quattrini solleva la coppa simbolo dello Scudetto vinto

4 giugno 2003: Pippo Quattrini solleva la coppa simbolo dello Scudetto vinto (foto Fioretti)

Quattrini loda la strada, piuttosto originale, che ha portato al trasferimento di Pelagatti: “Credo che sia la prima volta che, in perfetto accordo, un giocatore che fa parte di una squadra vada allo stesso tempo a provare per un periodo in un’altra squadra. Questo ha dato a mister Coccia il vantaggio di poter visionare il giocatore direttamente: se il Prato lo ha preso non è per sentito dire, ma perché lo ha provato e gli è piaciuto. Dimitri ha avuto la possibilità di fare un allenamento in più alla settimana per accelerare il suo recupero e provare l’ambiente Prato. Quanto a me, se una società più importante mi richiede un giocatore posso solo essere contento: vuol dire che l’ho cresciuto bene e l’ho reso appetibile per altre realtà di livello. Chissà, forse io e Roberto abbiamo aperto una nuova strada anche per altre società che volessero fare lo stesso. Intanto però lasciatemi dire: forza Dimitri!”.

Dimitri Pelagatti con la sua nuova maglia (foto Bilenchi)

Dimitri Pelagatti con la sua nuova maglia (foto Bilenchi)