Le foto della supersfida tra Prato C/5 e Milano

Prato-Milano-0138.jpgSi è superato ancora una volta il nostro Marco Bilenchi, che ha dedicato oltre 160 scatti al supermatch giocato ieri all’EstraForum davanti ad un bel pubblico. Sabato alle 15,30 Castello-Prato, quintultima della stagione regolare. Il punto di Bernabò.

Prato-Milano 2-4, 21.2.2017, parte 1

Prato-Milano 2-4, 21.2.2017, parte 1, foto Bilenchi

Prato-Milano 2-4, 21.2.2017, parte 2

Prato-Milano 2-4, 21.2.2017, parte 2, foto Bilenchi

Serie A2 – Ottava di ritorno (martedì 21.2.2017)
Aosta-Arzignano 2-9
Atlante Grosseto-Castello 7-3
B&A Sport Orte-PesaroFano 6-11
Bubi Merano-Ciampino 2-5
F.lli Bari-Capitolina Marconi 5-5
Olimpus Roma-Cagliari 6-3
Prato C/5-Milano 2-4

Classifica: PesaroFano 56; Milano 47; Arzignano 43; Prato 40; Olimpus Roma 37; B&A Sport Orte e Atlante Grosseto 36; Ciampino 31; Merano, Cagliari e Capitolina Marconi 21; F.lli Bari 17; Castello 9; Aosta 4.

Prossimo turno (sabato 25.2.2017)
Capitolina Marconi-Aosta
Ciampino-F.lli Bari
Milano-Olimpus Roma
Castello-Prato C/5 (ore 15,30)
Cagliari-Merano
Arzignano-B&A Sport Orte
PesaroFano-Atlante Grosseto

Un duello Juanpe-Balestri (foto Bilenchi)

Un duello Juanpe-Balestri (foto Bilenchi)

“Oltre la Cronaca”. Impressioni vissute oltre il commento sportivo
Prato Calcio a 5-Milano 2-4
di Cesare Bernabò
Anche in questa 21ma giornata vissuta all’EstraForum vorrei brevemente raccontarVi – Amici miei appassionati di Futsal – le impressioni che ho provato sulla mia pelle, i brividi e le emozioni pure che mi ha donato quest’ennesima disputa che ho potuto godere accanto a Car.mi ed eminenti Amici della “Famiglia biancazzurra”.
Impressioni, appunto… Quelle stimolanti accelerazioni della frequenza cardiaca che si susseguono frettolosamente miste a stille di pura e di sana adrenalina secreta invisibilmente.
Così si materializzano, quasi per incanto, quelle caratteristiche goccioline di sudore che imperlano la fronte, fra tutte le ansie ed i timori vissuti per una gara che – forse, non a torto, – posso definire la più bella ed intensa di quelle viste sin oggi tra le cosiddette mura amiche.
Oltre questo la voce storica, perfettamente modulata del Pippieffe, distante da me solo un seggiolino in più rispetto ai primi tempi, che seguivo i biancazzurri, ma è un dettaglio.
No, non sto esagerando… questo è ciò che ho provato sin dall’inizio di uno dei match del Prato Calcio a 5 che meglio e più a lungo rimarranno impressi nella mia vegliarda memoria.
Arrivati a Maliseti, in questo giorno lavorativo, chiunque – anche non tifoso dei lanieri – avrebbe compreso che se davanti al Palazzetto dello Sport vi fossero state parcheggiate così tante vetture, sicuramente, ciò significava che all’interno di quell’atipica struttura di gialloazzurro dipinta, avrebbe potuto prender vita – di lì a poco – uno spettacolo agonistico indimenticabile, e così è stato.
Prato Calcio a 5 versus Milano è stato un match molto, molto intenso e partecipatissimo dai circa quattrocento spettatori e davvero indimenticabile sia per spettacolarità che per tecnica mostrata dalle due compagini.
La partita è stata intensa e tiratissima dal primo all’ultimo minuto di gioco.
Il primo tempo si conclude con parziale di 1-2 a favore degli ospiti (reti di Murilo all’8’41” per il Prato, di Leandrinho e di Luciano – rispettivamente – all’11’7” ed al 14’22”.
Il portierone biancazzurro Thiago Perez salva letteralmente il Prato C/5 dall’onta immeritata di una sconfitta dalle proporzioni di un set tennistico. Solite ed ancor più strappapplausi del solito, le parate in tuffo plastico da collocarsi nel migliore album Panini del ns. Supernumerouno.
Nella ripresa Morganti dà l’illusione di poter stoppare la compagine lombarda al 10’08” ma è – appunto – una mera illusione!
Esposito al 14’40” ed Alan al 18’44” per il Milano di rosso vestito con intarsi bianchi portano a 4 le segnature per gli ospiti, ribadendo la cabala che da 2 anni vede sempre vincente i lombardi con i lanieri.
Non è stata certo la giornata fortunata dello stoico Murilo che porta in vantaggio i compagni, sfiora il goal, poi – durante il match – ha un passeggero malessere, cui prontamente vengono portati soccorsi (niente di grave, per fortuna). Il numero 15 biancazzurro proseguirà, poi, a giocare ma a pochi secondi dalla sirena finale s’infortunerà in uno scontro di gioco: quando si dice la sfortuna, eh?!! (A proposito: forza “Mu”!)
Concludiamo con una nota d’encomio, ancora una volta, da tributare doverosamente ai “giudici di gara”.
A mio modesto parere, hanno ben diretto gli arbitri Sigg. Castellino di Treviso e Loria di Roma 1, coadiuvati dall’altresì valente cronometrista Sig. Rrapi di Prato. Torno a dire (tanto, gli anni per passare da “noioso” ci sono) che auspicherei ogni sacrosanto sabato di Sport di vedere all’opera degli arbitri sereni e non protagonisti, proprio come quelli ammirati nelle ultime tre gare dei ns. biancazzurri, tanto piaciutimi.
Non dimentichiamo che anche e soprattutto un arbitro può diventare protagonista positivissimo di un qualsivoglia match solo quando non lo si senta affatto e ciò per fortuna – anche nel Futsal, come nel calcio – è sogno che comincia a diventar realtà.
Chapeau, quindi anche, per la classe arbitrale.
Che altro dire? Tutti a Castello?
Ma sì, dai, Amiche ed Amici sportivi (ed ora che m’invento?). “Se… Parigi valse pure una Messa”, il Prato C/5 varrà pure una trasferta, nevvero?
Grazie per la Cortese e paziente attenzione,
alla prossimaaaa!!!!
L’opinionista Cesare Bernabò