L’entusiasmo di Rafinha: “Prato eccomi, punto ai play-off”

Rafinha SouzaPrima intervista da biancazzurro per il venticinquenne centrale difensivo proveniente dall’Augusta, che arriva carico di contagioso entusiasmo: “Felicissimo di indossare una maglia che ha fatto la storia, per i play-off possiamo farcela”. Sabato però è squalificato.

Allora Rafinha, contento di essere arrivato al Prato Calcio a 5?
“Sono felicissimo. Entro a far parte di una squadra che ha fatto la storia di questo sport. Indossare questa maglia è un grande onore. Voglio fare il massimo per il Prato, lottare dentro il campo e dimostrare ciò che so fare”.
Il Prato punta ai play-off, secondo te è possibile arrivarci?
“Non solo penso che ce la possiamo fare, ma ne sono convinto. Sicuramente dobbiamo crederci tutti. La squadra già era buona, adesso con il mio arrivo e con quello di Cleber, che è un gran portiere, siamo in grado di centrare l’obiettivo”.

Rafinha, nuovo centrale difensivo biancazzurro

Rafinha, nuovo centrale difensivo biancazzurro

Raccontaci qualcosa di te e della tua carriera. Quando sei arrivato in Italia?
“In Italia sono arrivato nel 2009, giocando in serie A2 a Marcianise. Dopo un’altra stagione con loro sono passato al Foggia, in serie B. Poi mi sono trasferito in Sicilia: con il Melilli ho vinto il campionato di serie C1, è stato un momento bellissimo. La scorsa annata ho fatto un bel campionato di serie B sempre con il Melilli, per poi passare in questa stagione all’Augusta, in serie A2. Anche con la maglia dell’Augusta ho vissuto molti bei momenti. Adesso eccomi qua a Prato per questa nuova sfida. Spero di fare bene con questa maglia e di arrivare ai play-off, aiutando a riportare questa squadra nel posto che merita, mettendoci molta forza e tanta umiltà”.
Come descriveresti le tue caratteristiche ai tuoi nuovi tifosi?
“Ho un buon passaggio, calcio di destro e di sinistro. Sono uno che si sacrifica a difendere in campo. Mi piace dettare i ritmi in campo, imbucare palla e far girare la squadra”.
Conosci qualcuno dei tuoi nuovi compagni di squadra?
“Conosco Cleber e Wellington, abbiamo giocato contro la scorsa stagione quando loro erano a Catanzaro. Sono due gran persone, grandi uomini ed anche grandi giocatori. Speriamo di fare bene insieme, mettendo in campo molta forza e molto impegno per questa gloriosa società”.
Cosa ti ha detto mister Roberto Coccia?
“Mi ha trasmesso tanta fiducia per poter fare bene. Ora speriamo di lavorare bene in campo tutti insieme, e che tutto questo lavoro porti ai risultati sperati. Non basta parlare, è in campo che dobbiamo dimostrare chi è davvero il Prato Calcio a 5. Io penso che abbiamo le condizioni per farlo nel modo giusto”.
Sabato sei squalificato (una giornata) e non potrai giocare, deluso?
“Un po’ perché non potrò debuttare subito di fronte ai miei nuovi tifosi, ma già dalla partita successiva potrò scendere in campo. E francamente non vedo l’ora”.