Mangione: “Sabato contro l’Orte dovremo fare meglio”

Reggio-Prato-0091.jpgL’universale biancazzurro Gaetano Mangione vede un Prato ancora troppo sprecone sotto la porta avversaria, ringrazia i tifosi per il sostegno e afferma: “Tra la B e la A2 ci sono due categorie di differenza, non una”.

Mangione

Gaetano Mangione a tu per tu con Bruno Salerno (foto Bilenchi)

Mangione, torniamo al successo di sabato scorso a Reggio Emilia. Vincere nel finale è più bello?
Sì, forse è più bello, ma dobbiamo fare di più. Siamo stati poco cinici sotto la porta avversaria. Potevamo e dovevamo chiuderla prima, abbiamo sbagliato troppe occasioni da rete. L’importante però era prendere i tre punti, l’obiettivo è stato raggiunto e va bene così.

Sono state necessarie ancora una volta alcune parate importanti da parte di Perez.
Come sempre il nostro “santino” in porta ci ha salvato. Thiago è forte, ha fatto la differenza anche a Reggio Emilia.

La sensazione è che al PalaRivalta la F.lli Bari si trovi molto a suo agio e che in pochi riusciranno a vincerci.
Agli altri non voglio pensare, io penso al Prato. Noi ci abbiamo vinto e questo ci basta.

Con l’Orte sabato che sfida sarà?
Ci aspetta un’altra partita tosta. Spero che faremo meglio di sabato scorso perché anche a Reggio Emilia non siamo stati al top. Comunque anche stavolta è andata bene e allora avanti il prossimo.

Mangione è al primo anno di serie A2 (foto Bilenchi)

Mangione è al primo anno di serie A2 (foto Bilenchi)

Cosa manca a questo Prato secondo te?
Ci manca quel gol in più per chiudere le partite. Anche col F.lli Bari siamo andati in vantaggio ma abbiamo sbagliato troppe occasioni da rete, finendo per prendere dei gol ingenui su errori personali e non di squadra. La prima questione da risolvere è quella del gol.

Come valuti il tuo impatto con la categoria?
Mi sto ancora ambientando. Ho fatto un bel salto perché fra la B e la A2 non c’è una categoria sola di differenza, ce ne sono almeno due. E’ proprio un altro campionato. Almeno rispetto alla serie B “toscana” questo secondo me è un altro sport.

E’ una questione di intensità?
Sì, il ritmo è altissimo. E poi c’è tanta qualità negli avversari. Però francamente penso di poterci stare in A2.

Per i giocatori è stato bello alla fine festeggiare con i tifosi giunti al PalaRivalta (foto Bilenchi)

Per i giocatori è stato bello alla fine festeggiare con i tifosi giunti al PalaRivalta (foto Bilenchi)

Prima parlavi dei gol della F.lli Bari. Salerno vi ha segnato una rete fantastica.
Sì, Salerno è un giocatore fortissimo. Ci avevo già giocato contro in passato e mi ricordavo di cosa è capace. Ha fatto la differenza. Alla fine però i tre punti sono stati nostri.

Contento di aver visto i tifosi biancazzurri in trasferta?
Sì, il gruppo di tifosi che è venuto a Reggio Emilia ci ha dato coraggio. Si sono fatti dei bei chilometri per noi e siamo felici per questo. Vogliamo dedicare la vittoria soprattutto a loro.

I punti conquistati sono importanti nella corsa alla qualificazione per la Coppa Italia.
Noi come squadra siamo ambiziosi. Puntiamo in alto. Prendiamo però partita per partita e stiamo concentrati solo sulla prossima. Alla fine dell’andata vedremo se saremo riusciti ad essere tra le prime quattro.