Murilo, che personalità: “Occhio, questo Prato è forte”

Prato-Pistoia-0057.jpgSabato si gioca la prima di campionato, all’EstraForum (ore 16) arriva l’Atlante Grosseto. Murilo Rodrigues sfodera grande personalità e avverte: “Questa è la settimana più importante, dobbiamo lavorare bene per arrivare al top sabato”.

Murilo Rodrigues è al primo anno in biancazzurro (foto Bilenchi)

Murilo Rodrigues è al primo anno in biancazzurro (foto Bilenchi)

Murilo, sabato finalmente inizia il campionato di serie A2. Quali sono le tue sensazioni?
Le sensazioni sono le migliori possibili. Stiamo lavorando da un mese per arrivare a questo momento, che è il più bello delle prime settimane di lavoro: il momento dell’esordio. Questa è la settimana più importante. Non che le altre non lo siano, però ora dobbiamo cambiare mentalità. Adesso si fa sul serio. Questi sono giorni molto molto importanti perché alla prima partita in casa dobbiamo fare subito tre punti. Come del resto dobbiamo fare tre punti in tutte le partite in casa, per forza, puntando a fare sempre risultato anche in trasferta. Adesso comunque pensiamo solo al Grosseto che è il nostro primo avversario. Dobbiamo allenarci con la massima concentrazione, facendo quello che vuole il mister per arrivare a sabato e fare il meglio possibile.

Mister Madrid è esigente con i suoi giocatori. Tu come ti trovi?
Prima di venire al Prato non lo conoscevo. Mi sto trovando molto bene. A me piace un allenatore così, che ti porta sempre a dare il massimo. Il mister ha molta ambizione ed anch’io sono ambizioso. Io voglio sempre vincere, vincere, vincere. Il lavoro che il mister fa per noi giocatori a me piace tantissimo.

Murilo alla conclusione contro il Pistoia (foto Bilenchi)

Murilo alla conclusione contro il Pistoia (foto Bilenchi)

La squadra come la vedi?
La vedo bene. E’ una squadra che nasce quest’anno, nessuno conosceva nessuno. In queste settimane abbiamo fatto un buon lavoro, impegnandoci a fondo ed aiutandoci l’un l’altro. Io aiuto un mio compagno e un altro aiuta me, è così che tutti insieme si fa la squadra e si va sempre più avanti.

Il PesaroFano è la più forte di tutti?
Eh, questo è quello che dicono gli altri, no? Che il Pesaro è la squadra più forte di tutti. Secondo me la squadra più forte di tutti siamo noi. Se io non pensassi che la mia squadra è la più forte, sarei già un passo indietro. Siano gli altri a pensare: il Prato è la più forte. Sono gli altri che devono venire a giocare avendo paura di noi. Loro non sono più forti di noi. Io la penso così. Se il mister ha allestito questa squadra, è perché ha fiducia in questi giocatori. E noi abbiamo molta fiducia.

La personalità di certo non ti manca. Ma non mancheranno neanche le rivali: Milano, Arzignano, le romane… sarà un campionato lungo, competitivo, difficile.
Sì, il campionato italiano di serie A2 non è facile. Io in passato ho già giocato nel girone centronord, so quanto è difficile. Adesso sono tornato in Italia e questo per me è un forte stimolo in più a far bene. Ho fiducia. La squadra mi piace. Thiago, i tre spagnoli, gli italiani che ho trovato qui, che sono bravissimi… ci vedo molto bene. Sono sicuro che disputeremo una stagione molto bella. Io credo in questi giocatori che sono qui e che indossano questa maglia.

Murilo l'anno scorso ha giocato in serie A2 spagnola nell'Hercules (foto Bilenchi)

Murilo l’anno scorso ha giocato in serie A2 spagnola nell’Hercules (foto Bilenchi)