Pelagatti: “Grazie a chi mi ha sempre sostenuto”

Pisa-Prato 2-5 0139Parla Dimitri Pelagatti, che con un crescendo rossiniano è stato uno dei grandi protagonisti della vittoria di Pisa (un gol, due assist) e del campionato: “Sono felicissimo. Ho fatto la scelta giusta. Grazie anche a due maestri come Bearzi e Quattrini”.

Dimitri Pelagatti grande protagonista della vittoria del campionato. Come ti suona?
Eh, suona bene. Sono contentissimo. Sono felice della vittoria, è una piccola rivincita personale dopo tutto quello che ho sofferto per l’infortunio. Spero di continuare così, ora ci sono altre due partite e noi naturalmente non molliamo. Cerchiamo di vincerle tutte.

Sei sempre stato sicuro delle tue qualità e adesso ne raccogli i frutti.
No, sempre sicuro delle mie qualità no. Ho passato dei momenti difficili. La squadra, il gruppo, il mister, tutto lo staff mi sono stati vicini sostenendomi sempre. Sono tutte queste persone che mi hanno fatto credere nelle mie qualità, quindi tutto il merito è loro. Io ho solo cercato di lavorare e di continuare a fare del mio meglio.

Dimitri Pelagatti esplode di gioia subito dopo il fischio finale a Pisa (foto Bilenchi)

Dimitri Pelagatti esplode di gioia subito dopo il fischio finale a Pisa (foto Bilenchi)

E il salto in serie A?
Andare in serie A è un qualcosa che ho ricercato da sempre. Quando uno inizia a giocare il sogno è quello. Non c’è davvero bisogno di aggiungere altro.

Com’è stato calarsi in corsa in una squadra così competitiva?
Devo ringraziare l’aiuto di tutti i miei compagni. Qui ci sono giocatori fortissimi, di altra categoria. Penso a Cleber, a Rafinha, a Marcel che su tutti è quello con le esperienze più importanti. A Tiago che non starei neanche a citare perché è veramente troppo forte. La mia fortuna per poter riuscire ad integrarmi direi che è stata l’umiltà, il sacrificio, il lavoro. E poi anche l’avere avuto in passato come tecnici Andrea Bearzi e Pippo Quattrini. E’ una cosa che mi è servita parecchio, e che mi ha aiutato molto.

Pelagatti alle prese coi festeggiamenti (foto Bilenchi)

Pelagatti alle prese coi festeggiamenti (foto Bilenchi)

Com’è giocare con tutti i tifosi che vi osannano?
E’ fantastico. Scendere in campo al palazzetto col boato del battito dei piedi è un’emozione che nessuno può capire finché non calca il campo con questa maglia. Si entra ed è qualcosa di fantastico. I tifosi sono fantastici, l’entusiasmo è straordinario. Quest’anno poi sin da quando sono arrivato per me è stato un anno perfetto e non vedo niente che non va. Sono contentissimo di tutto. Della scelta fatta, dei compagni di squadra, di come è andata la stagione. Ora però spero di concludere in bellezza. Ripeto, ancora mancano due partite ed io spero di continuare la striscia positiva e di fare sempre meglio.

Siamo a Pisa, manca meno di un minuto, il punteggio è 4-2 per il Prato. Palla sul dischetto dei 10 metri. E poi?
E poi… E’ stato strano perché era un anno che non facevo gol, quindi ero quasi intimorito. Avevo quasi paura a fare gol. Adesso il gol è arrivato, ed è arrivato in una partita che era decisiva. E poi è stato l’ultimo gol, quello che ha fatto cantare alla gente “serie A serie A”. Quindi io sono felice, non ho altre parole, veramente. Sono felicissimo, io finora a questa società devo tutto.

Dimitri Pelagatti, come tutto il Prato sabato scorso, Spritza gioia da tutti i pori (foto Bilenchi)

Dimitri Pelagatti, come tutto il Prato sabato scorso, Spritza gioia da tutti i pori (foto Bilenchi)