Poggini: “Che stimolo la A2, sono felicissimo di restare”

Poggini1

Il Prato Calcio a 5 ha deciso: l’attaccante Tommaso Poggini, classe 1991, rimane in biancazzurro nonostante le molte offerte ricevute. “Ringrazio tutti ma voglio provare la serie A2”: l’intervista al giocatore, al terzo anno in maglia laniera.

Tommaso, soddisfatto di restare al Prato nonostante le tante offerte che ti sono piovute addosso?
Sì, molto. Sono contento di essere rimasto a provare a fare la serie A2. E’ una sfida difficile ma ci metterò tutto il mio impegno. Ho avuto offerte molto interessanti da alcune società, io ringrazio tutti per l’interessamento ma voglio provare a vedere com’è la serie A2.

Tommaso Poggini, qui al PFP Store di Francesco Paoletti, resta in biancazzurro (foto Bilenchi)

Tommaso Poggini, qui al PFP Store di Francesco Paoletti, resta in biancazzurro (foto Bilenchi)

Resti in un Prato che si è ringiovanito.
Sì, la squadra mediamente adesso è più giovane. La società ha rinunciato a giocatori importanti ma ne ha presi di altrettanto importanti con l’idea di fare il meglio per questa squadra.

Che ti ha detto mister Coccia?
Coccia mi ha detto che l’anno prossimo sarà molto dura. Che devo sicuramente levarmi un po’ di pancia (sorride, ndr) e che devo impegnarmi al massimo. Sono pronto e penso di farlo per tutto l’anno.

Sembri sicuro di te.
Io credo molto in me stesso. Penso di dare il centodieci per cento in tutti gli allenamenti ed in tutto quello che faccio. E’ il mio primo anno in serie A, vedremo come andrà a finire. Appena avrò un po’ di spazio darò il duecento per cento per meritarlo. L’anno scorso le mie occasioni penso di averle sfruttate abbastanza bene. Ho chiuso con sei gol stagionali, non è male. Però speriamo di fare sempre di più.

Poggini festeggia il gol decisivo a Pisa (foto Bilenchi)

Poggini festeggia il gol decisivo a Pisa (foto Bilenchi)

Torniamo al giorno di Pisa: gol, vittoria, promozione.
Pisa è un momento indimenticabile. E’ stato il giorno più bello della mia vita. Ho segnato il gol della sicurezza, in quel momento ho capito che avevamo vinto il campionato. Non potevo chiedere di meglio.

E sul tuo gol sei esploso in una corsa alla Tardelli.
Sì, è stato bellissimo. Sono andato subito ad abbracciare Andrea Querci, che è sempre stato il mio primo sostenitore. Andrea mi ha sempre incoraggiato molto, sin da quando ero nell’Under 21. Me lo diceva che un giorno sarebbe toccato a me segnare il gol decisivo, e così è stato. Lo ringrazio tantissimo per tutto.

Di chi è figlia la vittoria dell’anno scorso?
Di un gruppo strepitoso. Con in primis Peppegol Apruzzese, capitano vero, che ha aiutato molto tutti e soprattutto me. Poi Cleber, Rafa, ma li voglio nominare tutti. Tutti i miei compagni mi hanno insegnato tanto. Questo gruppo fantastico mi rimarrà sempre nel cuore. E’ stato un anno veramente bello.

Poggini vola verso i tifosi, ed in primis verso Andrea Querci (foto Bilenchi)

Poggini vola verso i tifosi, ed in primis verso Andrea Querci (foto Bilenchi)

E ora si va verso un nuovo gruppo. Che può salvarsi in A2?
Io penso proprio di sì. La società sta allestendo una grande squadra per poter puntare ad una salvezza tranquilla. Sono stati presi giocatori bravi, affidabili, seri. Il primo obiettivo è la salvezza. Poi dopo, chissà…

E a livello personale cosa ti aspetti dalla prossima stagione?
Non so cosa aspettarmi. Non ho mai avuto modo di conoscere la serie A. Da piccolo ogni tanto guardavo il grande Prato Calcio a 5 e mi sembrava una bella emozione giocare da professionisti. Adesso finalmente ci sono dentro anch’io e, beh, guardiamo un po’ cosa succede.

La scheda del giocatore
Nome e cognome: Tommaso Poggini
Luogo e data di nascita: nato a Prato il 22.10.1991
Altezza: 1,79 m
Peso: 75 kg
Ruolo: laterale/pivot