Prato arrivo! Preso in prestito Leonardo Casamenti

Leonardo Casamenti2Il Prato Calcio a 5 annuncia l’arrivo in biancazzurro del ventenne Leonardo Casamenti: il laterale arriva in prestito dall’Isolotto. Il Prato C/5 desidera ringraziare per la collaborazione la società fiorentina, ed in particolare Maurizio Colella e Pietro Curci.

Leonardo Casamenti, nato a Bagno a Ripoli il 23.12.1994, destro, è un talentuoso laterale che da quattro anni militava nell’Isolotto Firenze. Negli ultimi due anni il giocatore era stato aggregato in pianta stabile alla prima squadra, salvo poi smettere a metà stagione 2013-2014.
Nessun mistero: “Mi ero trasferito a Londra per un periodo, tutto qui, ma adesso sono tornato ed ho una gran voglia di tornare in campo”.
Leonardo, cosa ti ha convinto ad approdare in maglia laniera?
“Tutti quelli che giocano a calcio a 5 sanno che il Prato è una signora società, non solo nel panorama toscano ma in quello nazionale. A tutti piacerebbe giocarci o almeno provare a farlo, come sto per fare io. Di carattere sono abbastanza ambizioso, appena mi hanno chiamato l’idea mi è piaciuta. Voglio provare questa nuova sfida e vedere insieme cosa riusciamo a combinare”.

Leonardo Casamenti arriva al Prato C/5 in prestito dall'Isolotto

Leonardo Casamenti arriva al Prato C/5 in prestito dall’Isolotto (foto Gaggioli)

Prima dell’Isolotto giocavi a calcio?
“Sì, ho giocato sei o sette anni nel vivaio della Rondinella. Ero mediano, centrocampista centrale”.
Come descriveresti il Casamenti giocatore?
“Sono più difensivo che offensivo, ma allo stesso tempo mi piace puntare l’uomo. Diciamo che l’uno contro uno è il mio campo. Poi però quando arrivo sotto porta sono più da assist che da gol”.
Conosci qualcuno dei tuoi futuri compagni?
“Personalmente solo il nuovo arrivato Balestri. Gli altri ovviamente li ho visti giocare”.
Cosa ti aspetti dal campionato in arrivo?
“Mi aspetto di ritornare sulla cresta dell’onda, di fare un bel campionato io, e la squadra ancora di più. Penso che si possa fare bene, anche se il girone sembra insidioso”.
E il PalaPrato che diventa il tuo palazzetto?
“E’ tanta roba. Ci ho già giocato sia con la prima squadra che con l’Under 21, e anche da avversario è un bello stimolo giocarci dentro. Anche solo sapere tutto quello che è passato lì dentro… E’ tutto molto stimolante, sono convinto che sarà una bellissima esperienza”.