Prato-Bra 4-2: il commento di Cesare Bernabò

IMG_1438.JPGCominciamo dalla fine: il Prato Calcio a 5 ha avuto ragione dei temutissimi piemontesi giallorossi del Bra per 4-2 in un “Estra” penalizzato da disposizioni d’insindacabile e cosiddetta Sicurezza che ne hanno limitato la capienza a “100 anime”.

Come sempre mi atterrò alla stretta disamina della partita per lasciare ad altri il piacere della cronaca e dei suoi importanti dati aritmetici.

Atmosfera – quindi – pressoché surreale all’Estraforum martedì scorso: pubblico insanamente poco rumoroso, nessun commento “colorito” dalle tribune, barrettino all’interno della struttura chiuso. Oddio: sarà mica che siamo rimasti senza caffè perché il gestore del prezioso punto ristoro portava a quota 101 gli “ospiti” del Palazzetto?

Scherzi a parte, la disputa con il Bra ha segnato una tappa importantissima nei “play off” per i biancazzurri targati Quattrini.

A dire il vero non è stata certo – la gara contro i cuneesi – un’agevolissima, cosiddetta “sgambatina infrasettimanale” o il matchettino tra amici per digerir meglio il pranzo domenicale (!).

Prato-Bra è stato indubbiamente un match combattutissimo, sebbene per la sua interezza quasi sempre nelle salde e volitive mani dei nostri amatissimi ragazzi lanieri.

Ed a proposito di mani: a mio modesto parere il migliore in campo è stato – ancora una volta – il prodigioso Matteo Nardi (estremo difensore che definirei “il puma di Prato”) poi c’è stato “Rambo Birghillotti” capace di trascinare la squadra come solo lui sa fare. Propiziatore di goal e vero “incontrista” ineguagliabile per grinta e rendimento. “Dulcis in fundo” SuperBeppe Apruzzese, autore di una tripletta da “lacrime agli occhi”!

Dei piemontesi i migliori – come prevedibile – sono risultati Licciardi e Granata (arginato però benissimo dal già celebrato Mr. Nardi e compagni) ed anche l’alto e pingue portiere Berteina (sostituto di Fabbri) nonostante i suoi chili è apparso prontissimo e capace di evitare peggior sconfitta.

Pippo Quattrini, pur apparendo eccezionalmente lento rispetto al suo standard, ha interpretato il difficilissimo (se non impossibile) ruolo di “Mister in campo” in modo ancora una volta magistrale, ottimizzando l’utilizzo di ogni giuocatore a sua disposizione e ponendosi preziosissimo “centrale” all’interno del suo mortifero “rombo”.

Ha dimostrato maturità il Gruppo nel non disunirsi dopo il goal pressoché immediato del giallorosso Licciardi (giunto dopo soltanto 1 minuto e 49 secondi dal fischio d’inizio);  bene anche l’inserimento dei giovani – ivi compreso Marco Campagna – e – che altro dire ? -; beh, naturalmente che anche gli arbitri ed il cronometrista sono stati impeccabili!

Ora i nostri “amatissimi cavalieri del futsal nostrano” sabato p.v. all’Estraforum dovranno vedersela coi milanesi del Real Cornaredo, che nei quarti hanno eliminato lo Jesolo.

Beh, quindi che altro aggiungere se non l’augurarmi di non avervi annoiato e… se così fosse: rileggetemi con fiducia e raccomandate a chi conoscete di farlo anche in futuro… sempre: se vorrete, eh?!

Allora: vogliamo incontrarci tutti all’Estraforum (non oltre 100 mi raccomando, eh?!) sabato prossimo?

Nell’intanto, però, allenatevi anche voi ad urlare più forte possibile:

Forza Pratooooooo!!!!!!

Cesare Bernabò