Prato in crescita, pari giusto. E mercoledì la Coppa Divisione

Prato-Ciampino-3-3-0102.jpgBuona prestazione e pareggio giusto per il Prato nella prima di campionato: i commenti di ppf e Cesare Bernabò. Video-interviste post partita a Rafael Tosta e Donato Massafra. Mercoledì c’è il recupero di Coppa della Divisione in casa del Città di Massa.

Il Prato appare in crescita, buone sensazioni dopo la prima di campionato (foto Bilenchi)

Il Prato appare in crescita, buone sensazioni dopo la prima di campionato (foto Bilenchi)

PRATO. E’ un Prato in crescita quello visto sabato al PalaRogai. A Montecatini in Coppa la squadra laniera era apparsa più in difficoltà sul piano fisico rispetto agli avversari, mentre a Maliseti i biancazzurri sono apparsi più pimpanti e con un’organizzazione difensiva già apprezzabile. Piacciono di questo Prato la coesione e la voglia di lottare su ogni pallone.
Deve crescere ancora la manovra ma lì pesano vari fattori: la squadra è nuova e necessita di amalgama, le opzioni sono poche e incide tantissimo la mancanza di un pivot, per di più dell’ottimo livello di Everton, che darebbe gol, minuti e più facilità nella gestione del pallone.
In generale comunque sensazioni positive per i biancazzurri, che ora sono attesi da tre trasferte di fila. Mercoledì alle 21,30 c’è il recupero di Coppa della Divisione in casa del Città di Massa, poi nei due prossimi sabati di campionato ci sono le trasferte sui campi di Roma e Real Cefalù. Un vero tour de force.
Quanto alla partita col Ciampino, è stata bella e combattuta. Gli arbitri l’hanno tenuta in pugno a suon di cartellini, troppi per la verità in un match scorbutico ma non cattivo.
Netto peraltro il rosso iniziale al portiere Blasimme uscito di mano fuori area a fermare Abel lanciato a rete dopo 1’14”. Merita sinceri complimenti, per inciso, il diciottenne Cantina, che è stato gettato a freddo nella mischia del campionato e che non si è mai scomposto. Bravo.
In superiorità numerica il Prato non colpisce, rischia anzi sul tiro di Terlizzi (1’47”), centra comunque un palo con Eric (2’08”). Destino vuole che, 5 secondi dopo che è tornata la parità numerica, il Prato la sblocchi: fantastico il siluro incrociato di Eric dalla destra e 1-0.
Mister Pozzi, indimenticato scudettato con la Roma RCB, chiama time-out già dopo 4’43” ed il Ciampino si mette con decisione a fare la partita. Cantina è bravo su Eric al 13’, dall’altra parte Massafra è attento su vari interventi e soprattutto a 7 secondi dal riposo, quando dice di no a Lemma.
Nella ripresa il Prato inizia troppo passivo mentre il Ciampino arremba. Al 2’ palo pieno di Bacaro, subito dopo (2’11”) Cittadini si accentra da sinistra ed insacca di potenza l’1-1.
La parità dura pochissimo. Ottimo schema Prato su calcio di punizione, Tosta smarca Berti – perfetto il suo movimento a cogliere impreparata la difesa – ed il tiro incrociato del bomber laniero vale il 2-1.
Sale intanto il conto dei falli e dei cartellini. Dopo 8’13” il Prato ha già speso il quinto fallo. Sugli sviluppi della relativa punizione, Terlizzi si smarca in area e gira sotto la traversa il 2-2 (8’15”).
Ancora tante le emozioni in un match equilibrato, col Ciampino a fare più gioco ed il Prato molto presente in campo. Dopo 12’04” grande chance laniera con Eric che ruba palla e va solo contro Cantina ma calcia di poco a lato. Altri 15 secondi e sesto fallo Prato, dal dischetto del tiro libero va Bacaro che però non centra lo specchio della porta.
Al 12’33” della ripresa quinto fallo anche per il Ciampino, che al 14’36” paga cara un’ingenuità di Fantini, espulso per un secondo giallo evitabile. Il gol laniero del 3-2 arriva peraltro su un fallo ospite, dal dischetto del tiro libero va Berti che completa la sua doppietta personale (16’07”).
Finale incandescente. Al 17’07” secondo palo di giornata per Bacaro, poi (17’19”) il Prato fallisce il colpo del ko con Abel che conclude a lato.
Il 3-3 arriva su calcio di rigore. Gli arbitri fischiano fallo in area a Vinicinho, dal dischetto va Bacaro che non fallisce (18’57”). L’ultima occasione, quasi sulla sirena, è per il Ciampino, fermato però da una gran respinta dell’ottima Massafra.

Donato Massafra è stato autore di un'ottima prestazione (foto Bilenchi)

Donato Massafra è stato autore di un’ottima prestazione (foto Bilenchi)

“Oltre la cronaca”
di Cesare Bernabò
Prima casella annerita in classifica per il Prato c/5, ma quanta sofferenza!
E’ iniziato un altro difficile campionato di serie A2 per il Prato calcio a 5, in un “teatro di sfida” epico.
Al PalaRogai si è tenuta infatti la prima gara della stagione 2018/2019 per i biancazzurri di Apicella e Gualchieri.
I mister Bini Conti e Carlesi hanno debuttato in A2 condividendo l’incarico di guidare la squadra.
Nel tempio del futsal di quelli che furono “anni aurei” per un certo Prato, dicevo, si è tenuto un match agonisticamente bello – a tratti anche spettacolare – ma piuttosto nervoso da entrambe le parti e quindi molto falloso. Ottima a mio avviso la direzione arbitrale.
La compagine laziale ha mostrato essere veloce ed avere molte frecce al proprio arco, con una rosa nutritissima.
Per contro, i biancazzurri sono apparsi –  a modesto parer mio – contati ed ancora imballati, ma con qualche giocatore di maggior qualità rispetto al trend del tasso tecnico avversario.
Il solito cuore laniero ha vinto su tutto.
Un plauso sentitissimo all’Ensemble dei Cavalieri del Futsal (di bianco vestiti) ed in particolare all’eccellente portiere Massafra, al centrale Tosta, al pivot Berti Lorenzi (autore di 2 goal dei 3 totali) ed al munitissimo Eric Da Silva, capace di sbloccare il risultato a 3’19” con una bellissima rete, di colpire un palo ma anche di mangiarsi un goal, roba che da un Campione come lui non te l’aspetti mai, sebbene ci possa stare eccome! Pazienza, quindi: grande anche lui!
Un abbraccio ideale a “Rambo” Daniele Birghillotti, che ho avuto il piacere di rivedere in campo, mostrando di azzerare la fredda ed ineluttabile regola biologica del “tempo che tutti c’invecchia”.
Quindi un 3-3 che alla fine si traduce, in pratica, con la prima “casella annerita” per il nostro amatissimo Prato calcio a 5: e questo è quel che più conta.
Risultato, secondo il mio umile giudizio, giusto, ma che mostra – già in questo esordio biancazzurro – quanto irta ed estenuante sarà questa lunga competizione.
Grazie della cortese attenzione, alla prossima e – naturalmente – il mio canonico, sempre sentitissimo e crescente: FORZA PRATOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!
L’Opinionista Cesare Bernabò