Nuova Comauto Prato-Merano vista dall’opinionista e dal tifoso

Prato-Merano-5-5-0122.jpgEcco risultati e classifica dopo la prima giornata. Prossimo turno: Città di Sestu-Prato. Arricchiamo i nostri commenti del dopo gara con l’intervento dell’opinionista Cesare Bernabò e con il punto di vista di un nostro affezionato tifoso, Tommaso Zinna.

Serie A2 – Prima giornata (sabato 7 ottobre 2017)
B&A Sport-Ossi San Bartolomeo 11-4
Civitella Sicurezza Pro-Città di Sestu 4-1
Leonardo Cagliari-Atlante Grosseto 3-3
Prato C/5-Bubi Merano 5-5
Real Futsal Arzignano-Carrè Chiuppano 5-4
Riposa: Olimpus Roma

Classifica: B&A Sport e Real Futsal Arzignano 3; Bubi Merano, Atlante Grosseto, Leonardo Cagliari e Prato 1; Olimpus Roma, Carrè Chiuppano, Città di Sestu e Ossi San Bartolomeo 0; Civitella Sicurezza Pro -1.

Seconda giornata (sabato 14 ottobre 2017)
Atlante Grosseto-B&A Sport
Bubi Merano-Leonardo Cagliari
Carrè Chiuppano-Civitella Sicurezza Pro
Città di Sestu-Prato C/5
Ossi San Bartolomeo-Olimpus Roma
Riposa: Real Futsal Arzignano

Dopico e Vinicinho: lo spagnolo ha segnato, il brasiliano non è mai uscito dal campo (foto Bilenchi)

Dopico e Vinicinho: lo spagnolo ha segnato, il brasiliano non è mai uscito dal campo (foto Bilenchi)

“Oltre la cronaca”. Impressioni su un match oltre cifre e cronologia
Prato C/5 Vs Bubi Merano 5-5
dell’opinionista Cesare Bernabò
Rieccoci, Amiche ed Amici appassionati di Futsal, a parlar di Futsal, quello “dei 3 punti”, quello che unisce e separa migliaia di tifosi, ogni sabato; rieccoci a parlar – insomma – del Prato Calcio a 5.
Prima di cominciare a farlo, prima di “riscaldare” idealmente la mia umile penna a spontaneo servizio della Società biancazzurra, devo tributare un sincero e sentitissimo Bentrovati a tutti, perché anche se ogni vita è costellata da problemi  seri e non, son certo che appassionarsi alle gesta sportive del Prato C/5, se possibile, aiuti, sempre, a viver meglio!
Ciò doverosamente anticipato, veniamo alle impressioni avute in questo incontro.
Premesso che Dio abbia creato il mondo in 7 giorni, e la ns presidenza abbia creato una squadra competitiva – come il Prato C/5 – in  un mese e mezzo (mi si perdoni il paragone, ma questo è), il pareggio di proporzioni pur “subbuteistiche”, al debutto dei biancazzurri, con un Estraforum abbastanza popolato, può anche accettarsi, soprattutto nell’ottica di una squadra in crescita ed ancor plasmabile, dall’eccellente Mr. Suso.
Totalmente rinnovati, quindi, ad eccezione dell’immenso portiere Perez e di Benlamrabet (egregi entrambi), i biancazzurri – dall’Agla vestiti – hanno mostrato, anche con panchina corta per problemi vari, di crederci e di potersi giocare ogni match, con forza ed onore (a prescindere persino da quest’esordio spettacolare e rocambolesco ma non troppo redditizio) sino alla fine del campionato.
Oggi a mio modesto parere era importante non rischiare la sconfitta, viste le assenze e gli acciacchi in casa laniera: missione compiuta.
Questo ha pensato, forse, il grandissimo Suso nel dopo gara, sbuffante e provato come tutti i suoi ottimi ragazzi (pareva avesse giocato il Mister: che uomo straordinario, amici!).
Un compatto “ensemble biancazzurro”, insomma.
Bene: Iacona e Dopico autori di un sigillo personale, sulla cinquina finale.
Eccellente lo spettacolare eppur concreto Superportiere Perez (addirittura meraviglioso in consueto stile “da figurine Panini” sui suoi voli agli incroci dei pali o sotto la traversa) e – con lui – l’onnipresente, gladiatorio Benlamrabet, generosissimo combattente, autore di una tripletta “da lacrime agli occhi”!
Poi, beh: doveroso ricordare i goals di Iacona (che ha portato inizialmente il vantaggio il Prato) e Dopico.
La prima frazione di gara terminerà 4-2 per i trentini giallorossi, perché il n.ro 10 degli ospiti – un valido Trunzo – siglerà una doppietta, imitato dalla stella ex Imola Deilton.
Eppoi, ad onor del vero, anche se nel mio cuore e davanti gli occhi c’è e c’era solo il Prato C/5, come sempre, di fronte c’era un gran Mubi Merano: non certo la squadretta dell’oratorio o un’equipe giunta all’Estraforum coperta dal vello del cosiddetto “agnello sacrificale”!
In campo, com’era ipotizzabile fosse, si è visto combattere moltissimo (specialmente nella ripresa) ed un signor duo arbitrale, al quale – secondo il mio stile consueto – non imputo neppure una libera interpretazione di un Regolamento che avrebbe voluto – per 6° fallo del Merano, nei minuti finali del match – un tiro libero (forse determinante) a favore della squadra di casa.
Dettagli questi, però, da archiviare mentalmente prima possibile, per continuare a crescere ed essere considerati da tutti come meritiamo e tornare ad essere il Prato Calcio a 5 che, da anni, tutti sognamo.
Un abbraccio ideale a tutti ed il mio ormai canonico e  sempre più stentoreo e sentitissimo: FORZA PRATOOOOOOOOO!!!!!!!!
Cesare Bernabò

Benlamrabet mentre calcia la punizione del 2-3 (foto Bilenchi)

Benlamrabet mentre calcia la punizione del 2-3 (foto Bilenchi)

L’opinione del tifoso: Tommaso Zinna
Un punto che vale oro ed emozioni a non finire!
Un Prato decimato dalle assenze sa strappare un punto importantissimo contro una delle compagini candidate ad un posto di diritto nelle zone alte della classifica del girone A della serie A2.
Merano arriva a Prato con innesti di valore e sostanza rispetto alla stagione scorsa: il fortissimo ex Imola Deilton e la classe dell’ex bomber dell’Isernia Rafinha, si fanno infatti vedere subito. L’ex Imola Deilton sicuramente il migliore in campo per i giallorossi, mentre uno straordinario Benlamrabet (lanciato in prima squadra da mister Suso) corona una prestazione eccellente con addirittura una tripletta, per una giornata memorabile per il giovane talento biancazzurro.
Un Merano che trova scioltezza e fluidità di gioco con la presenza in campo di Deilton, ma che paga caro alcune indecisioni sotto rete complice anche l’ottima prestazione del capitano, nonché portiere laniero Thiago Perez.
Merano abile a sfruttare alcuni buchi in difesa dei lanieri, trovando nell’asse Deilton-Rafinha il tandem ideale per mettere in difficoltà il Prato. Prato invece votato ad una partita di sacrificio e contenimento, con Vinicinho, Jesus Dopico e Wallace chiamati a fare gli straordinari, ma al tempo stesso con i giovani Iacona e Benlamrabet in grande spolvero.
Bellissimo il vantaggio dell’1-0 di Iacona su lancio di Vinicinho: taglio del giovane su verticalizzazione del brasiliano, che trafigge il portiere con un bellissimo tiro di controbalzo.
Il Prato quando verticalizza mette in difficoltà la squadra meranese, poco pronta a contrastare l’esuberanza dei giovani talenti Iacona e Benlamrabet. Quest’ultimo autore di una prova superlativa: tre goal bellissimi, corsa a tutto campo e classe da vendere. Tutti in piedi per il numero 6!
Il Prato rincorre, va sotto 1-3, ma non molla mai e con una grande compattezza sfrutta le poche occasioni concesse dal Merano per agguantare il pareggio in più di una occasione.
Merano che senza Deilton in cabina di regia soffre e senza neppur provare il portiere di movimento nei minuti finali si accontenta del pari.
Buona la prima… che cuore e che spirito!
Tommaso Zinna