Salomao: “Il Prato è stato più cinico”

SalomaoIntervista all’indimenticato ex laniero Salomao, al Prato nelle ultime due stagioni di serie A1 ed oggi colonna dell’Atiesse: “A noi è mancato il gol, il Prato è stato più concreto. Comunque è bello vedere che la passione a Prato si sta risvegliando. Che ricordi…”.

L’Atiesse contro il Prato ha giocato una grande partita ma non ha fatto punti: cosa vi è mancato?
Sì, abbiamo fatto una buona prestazione. Abbiamo creato molto nel primo tempo però è dall’inizio del campionato che non riusciamo a fare gol. In una partita così combattuta sono i piccoli dettagli che ti fanno perdere, ed il Prato si è dimostrato una squadra cinica che ha saputo metter dentro le occasioni che ha avuto.

Avete protestato per un paio di episodi. Che ne pensi?
L’unico episodio davvero dubbio per me è stato il fallo di mano in area non visto dall’arbitro (si riferisce ad una respinta di Bertoldi nella ripresa, ndr). Durante la partita però non sono successi episodi seri per cui dover incolpare gli arbitri. Non ci attacchiamo a questo.

Il campionato è un duello Prato-Asso Arredamenti o altre squadre sono ancora in gioco, compresa l’Atiesse?
Il campionato è ancora lungo ma penso che sarà un duello fra Prato e Asso. Il distacco rispetto alle altre comincia già ad essere importante. Noi comunque diremo la nostra fino alla fine.

Sei un grande ex ed è la seconda volta che giochi contro il Prato: emozioni particolari?
Sì, per me quando incontro il Prato è un’emozione particolare. Ci sono stato due anni nei quali sono cresciuto molto ed ho imparato tanto. E poi rivedere persone come ppf e Renzo mi fa sempre molto piacere.

Quali sono i tuoi ricordi della tua avventura in biancazzurro? Hai visto che sta tornando grande entusiasmo a Prato?
Mi ricordo le tante belle partite disputate. Mi ricordo il sostegno dei tifosi, nei momenti belli ma anche in quelli brutti. Mi fa piacere vedere il risveglio di quella passione. Lo so, se i tifosi ricominciano a seguire la squadra, il Prato tornerà più forte di prima. Personalmente sarei orgoglioso di potere un giorno finire la mia carriera a Prato, lasciandolo là dove merita, in serie A. Mando un grande abbraccio a tutti.Salomao2

Salomao3

Salomao4Salomao5

Nelle foto qui sopra, alcuni momenti dell’epopea del Furpile Prato; c’era anche il grande Salomao