Ufficiali gli 0-6 a tavolino per Massa e Poggibonsi

Prato-Bassotti 4-2  0039.jpgIl giudice sportivo si è pronunciato sulle due partite che sabato scorso erano state sospese per condensa: purtroppo non saranno rigiocate e sono divenute degli 6-0 a tavolino a favore di Futsal Pistoia ed Atiesse. La classifica in serie B non è più sub iudice.

Questa è la nuova classifica di serie B, a questo punto definitiva dopo le prime 7 giornate:
Prato 19
Asso Arredamenti 15
I Bassotti e Elmas 13
Atiesse 12
Futsal Pistoia 11
Castellamonte 10
Poggibonsese 8
Futsal Sangiovannese 7
Cus Pisa 6
Sporting Rosta 5
Città di Massa 1

Questo è un estratto dal bollettino ufficiale FIGC con le due decisioni “gemelle”:

Gare Sospese
Poggibonsese-Atiesse del 22.11.2014 Serie B Girone A
Il G.S., rilevato dagli atti ufficiali che la gara in epigrafe è stata definitivamente sospesa dall’arbitro al minuto 8.26” del secondo tempo, per sopravvenuta impraticabilità del terreno di gioco, divenuto altamente scivoloso a causa della condensa creatasi all’interno dell’impianto sportivo, tale da pregiudicare l’incolumità sia degli atleti che degli arbitri;
considerato che l’arbitro riferisce che l’impianto era sprovvisto di climatizzatore, e che l’unico rimedio posto in essere dalla società ospitante per eliminare l’inconveniente dianzi descritto è stato quello di aprire tutte le porte del palazzetto e di tentare di asciugare con estrema solerzia il terreno di gioco;
tenuto conto che secondo l’orientamento giurisprudenziale consolidato in materia, la mancanza del climatizzatore , in caso di sospensione dell’incontro per impraticabilità del terreno di gioco, configura ipotesi di responsabilità oggettiva della società ospitante ai sensi dell’art. 17 comma 1 del C.G.S.
P.Q.M. decide:
di comminare alla società Calcetto Poggibonsese la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0-6.

Città di Massa-Futsal Pistoia del 22.11.2014 Serie B Girone A
Il G.S., rilevato dagli atti ufficiali che la gara in epigrafe è stata definitivamente sospesa dall’arbitro al minuto 14.56” del secondo tempo, per sopravvenuta impraticabilità del terreno di gioco, divenuto altamente scivoloso a causa della condensa creatasi all’interno dell’impianto sportivo, tale da pregiudicare l’incolumità sia degli atleti che degli arbitri;
considerato che l’impianto sembra essere sprovvisto di climatizzatore, atto a prevenire la formazione dell’ incoveniente di cui sopra e che l’unico rimedio posto in essere dalla società ospitante per eliminarlo è stato quello di aprire tutte le porte del palazzetto e di tentare di asciugare con estrema solerzia il terreno di gioco; tenuto conto che secondo l’orientamento giurisprudenziale consolidato
in materia, la mancanza del climatizzatore , in caso di sospensione dell’incontro per impraticabilità del terreno di gioco, configura ipotesi di responsabilità oggettiva della società ospitante ai sensi dell’art. 17 comma 1
del C.G.S.
P.Q.M. decide:
di comminare alla società Città di Massa Calcio a 5 la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0-6.