Un finale di partita degno del miglior Hitchcock

birghillotti3La vittoria del Prato Calcio a 5 sul Cus Pisa (3-1) vista dal nostro opinionista Cesare Bernabò. Su tutti Vincentini, Wellington e Birghillotti. Ottimo il collettivo dei biancazzurri di Coccia, bravo Campagna.

Il commento di Cesare Bernabò
Alla vigilia del match “versus” il Cus Pisa, i nostri lanieri di Mr Coccia vedevano la propria posizione in classifica appaiata a quella degli uomini dell’Amico Mr. Nicola Lami, con un interlucutorio 4° posto (4 punti in 2 gare).
Non il massimo tra i cosiddetti “quartieri alti”, si potrebbe obiettare, ma neanche “uno scandalo in caselle annerite”, oltre fisiologiche, sempre maggiori ambizioni.

Bel debutto stagionale per Daniele Birghillotti: suo l'assist dell'1-0

Bel debutto stagionale per Daniele Birghillotti: suo l’assist dell’1-0

Capolista era ed è già quel Bra di capitan Granata (11 goals – oggi – su 18, già per lui!), affiancata a punteggio pieno dall’ormai consolidata Poggibonsese, entrambe a quota 6.
Con queste premesse (con un Vincentini stoico con bendaggio sapiente al polso e con un Nardi costretto al riposo precauzionale per “acciacchetto”) bastano:
– la “Supercarica” di Mr. Roby Coccia, in un “Estra” non proprio stracolmo;
– un calmo e reattivo Marco Campagna, “d’oro vestito”, al suo debutto da titolare;
– un caldo tifo (grazie soprattutto alla “Gioventù sconvolta”, nata in questo 2013);
– l’ottima terna arbitrale, composta dai Sigg. Cavicchiolo (di Bassano del Grappa), Pagliarulo (di Napoli), e Ticci (di Firenze) come cronometrista
per iniziare il match: Prato Calcio a 5-Cus Pisa.
Fedele alle mie abitudini, non mi occuperò della pur “succosa” cronaca della buona gara che ho visto, ma di coloro che hanno – a parer mio – più brillato su un comunque – intieramente Stim.mo – Collettivo: Vincentini, Welly, Birghillotti, bravi – “senza acuti” – tutti gli altri giocatori impiegati, ivi compresi: Capitan Beppe, Baldassarri, Calamai.
Primo tempo conclusosi solo 1-0 (goal al 16’35” di Vincentini) per i biancazzurri grazie alla semi-impermeabilità difensiva del Pisa e di quel gatto-umano che anagraficamente e di fatto risulta essere Roberto Iacoponi, classe 1983!
Anche il secondo atto dell’opera vede “cantare e portar la croce” gli stessi protagonisti che ben conosciamo. Dall’Amico ed ottimo Mr. Roberto Coccia, magari, insieme ai soliti “super-tenori”, mi aspetterei il regalo di veder “cantare” anche l’eccellente Distefano (esperto in “acuti già esibiti”), eppoi con un cognome così! Ma ciò non accade. Spero solo che lo Stim.mo e preparatissimo Roby-Coach mi accontenti in un futuro non lontano.
Il secondo tempo, dicevamo, tra luci ed ombre, continua in modo pirotecnico: è un susseguirsi di bellissimi “fuochi d’artificio”, con l’illuminante e produttivo “botto” di Welly (autore del goal del 2-0 dopo 2’44”).
Prosegue il bel giuoco pratese con discrete ripartenze degli ospiti. Match che scorre via e diverte ma lo “score” del tabellone luminoso è meno rassicurante del giuoco. Così, con un finale degno del miglior film di Hitchcock, i pisani – grazie ad Umalini – a 44” dalla fine (19’16”) dimezzano le distanze eppoi subito dopo (28” per l’esattezza) i biancazzurri sigillano il definitivo 3-1 col valoroso Vincentini (19’44”).
Il film… ehm – pardon – la gara è qui finita, o almeno quel che ho tentato di ricordare. Un abbraccio ideale a tutti e… sabato prossimo tutti in Piemonte per assistere al match contro il Castellamonte (fa anche rima!).
E’ tutto, Amici.
Cesare Bernabò