Urleremo ancora Balegol! La conferma di Balestri

Trasferta-Castellamonte-0012.jpg

Si è conclusa positivamente la trattativa per il rinnovo di Stefano Balestri, che con soddisfazione di tutti “vestirà biancazzurro” anche nella prossima stagione sportiva. La nostra intervista al “Metronomo” Balegol.

Il capocannoniere laniero della serie B, autore di ben 20 reti in campionato, rimane in biancazzurro. Come ti suona questa conferma, Balestri?
Suona molto bene, e sono proprio contento perché era quello che volevo. Specie dopo un’annata come quella appena trascorsa, con la vittoria del campionato ed il salto in serie A2, che dà grosse motivazioni in più. Mi sembrava sciocco non continuare il percorso intrapreso. Al Prato mi sono trovato bene da subito, sia col gruppo che con la società. La mia conferma era solo una formalità.

Stefano Balestri col Bacchino Sport (foto Bilenchi)

Stefano Balestri col Bacchino Sport (foto Bilenchi)

Hai una specie di record personale: ogni anno o giù di lì sali nella categoria superiore. Stavolta tocca alla serie A2, come la affronterai?
Riparto con lo stesso spirito dell’anno scorso. Con la consapevolezza e lo stimolo di affrontare una categoria nuova. Mi metto a disposizione del gruppo con spirito di sacrificio, umiltà e tanto lavoro, sperando di riuscire a dare il mio contributo in una categoria che è molto più difficile. Ma anche molto stimolante.

Come si arriva alla salvezza?
Con tanto lavoro. Sappiamo che ci attende una stagione diversa da quella di quest’anno. Partiamo per salvarci, sperando di raggiungere il nostro traguardo prima possibile. Dobbiamo essere bravi a non vanificare tutto il grande lavoro fatto quest’anno per salire. Non vogliamo essere una meteora. La società si basa su un progetto consolidato e vuole mantenere la serie A2. Le idee sono chiare e questo è importante.

Un intenso primo piano di Balestri (foto Bilenchi)

Un intenso primo piano di Balestri (foto Bilenchi)

Non è che rifai venti gol anche in A2?
Proviamoci (sorride, ndr). Ma anche se di gol ne facessi solo dieci, o cinque, o uno, però poi ci salviamo, a me andrebbe benissimo lo stesso. L’importante è raggiungere il nostro obiettivo comune, mantenendo un ambiente stabile e sano come abbiamo avuto quest’anno.

Hai un obiettivo personale?
Quello di continuare a migliorarmi per entrare sempre più nei meccanismi del gioco. Non sarà facile, soprattutto all’inizio, così come all’inizio non è stato facile quest’anno. Poi magari spero di contribuire con qualche gol. Magari di quelli pesanti.

Balestri con Apruzzese (foto Bilenchi)

Balestri con Apruzzese (foto Bilenchi)

Cosa vuoi dire a capitan Apruzzese che ha lasciato la squadra?
Beppe è stato qui tanti anni ed ha fatto grandi cose per il Prato. Voglio dirgli che per me è stato un onore poter giocare insieme a lui quest’anno. E’ una gran persona piena di carisma, è un uomo spogliatoio, uno che sa farsi rispettare. Rappresenta la figura classica del capitano. Gli auguro tutto il meglio e spero che continui a giocare su grandi palcoscenici, come merita e desidera.